Archives

You are currently viewing archive for August 2009
Category: General
Posted by: editor
nullnull
null REGGIANI NEL (PICCOLO) MONDO (ANTICO)
1) Ieri La Repubblica (delle banane... al vento) ha dedicato un articolone alla mostra di Nicolò Dell'Abate in Rocca a Scandiano.
2) Su Il Riformista di oggi si parla anche di un pezzo di Max Panarari ("contro" Alfonso Signorini) uscito su Il Mulino.
3) Nessun mistero Boffo. Nel consiglio di amministrazione di Avvenire siede anche un reggiano doc.
4) Zucchero è stato multato a Pontremoli perché girava in scooter senza casco. Ligabue, invece, perché girava con un casco (di capelli in testa) senza scooter.
5) Ivana Spagna e Orietta Berti si sono esibite in Abruzzo a fine agosto: che figata...! A proposito: su La Stampa di ieri ben due pagine sulla scomparsa dell'orso marsicano (ultimo esemplare avvistato...!? tale Gianpar, come documentato sabato scorso su questo blog), mentre su Il Corriere della Sera di oggi c'è un lungo articolo sul saggio "I Templari e la sindone di Cristo", che lo stesso Gianpar ha portato con sé in Abruzzo, sfogliandolo tra un tuffo in piscina e le abbondanti cene all'hotel Camerlengo, dove ha alloggiato come un Nababbo.

nullnull
DOPPIA LIBRIDINE!!! / NOVITA' MADE IN REGGIO
Aliberti e Diabasis si "contendono" i miti della sinistra che fu. Il primo ha mandato in libreria un saggio dedicato a Pier Luigi Bersani (con prefazione dello stesso candidato alla guida del Pd); il secondo, invece, ha dato alle stampe un volume dedicato al compianto corsivista de L'Unità Mario Melloni, con prefazione di Michele Serra. (*)

null
nullnull
null.null
null
(*) Mario Melloni, in arte Fortebraccio, è stato uno dei più grandi giornalisti satirici italiani. In senso più lato, è stato uno dei pochi scrittori umoristici memorabili in un paese che all'umorismo ha sempre preferito la commedia grassa e l'insulto astioso. Oggi il suo ricordo è ingiustamente attenuato, specie perché si è progressivamente disfatto il campo politico in cui Melloni visse e scrisse, quello comunista. Di lui hanno memoria viva soprattutto gli italiani che hanno passato i cinquanta, e si sono formati negli anni del grande scontro tra Dc e Pci, i due grandi partiti di massa oggi ingoiati dalla storia. I corsivi di Fortebraccio raccontarono quell'Italia, e quello scontro, con una forza polemica e una leggerezza incomparabili. Le due qualità – forza polemica e leggerezza – parrebbero in contrasto. Non lo furono, in Fortebraccio, in virtù di uno stile signorile e di una prosa educata che inquadravano in forma controllatissima i giudizi più ostili, le opinioni più crudeli. Come gli riuscisse, questo scrivere insieme cortese e feroce, questo capolavoro formale, è un enigma che meriterebbe almeno un paio di corsi universitari, e chissà che qualche italianista ispirato, qualche Facoltà non distratta, non voglia provvedere. (Michele Serra)

***

VELINE E VELENI / CHI DI VERGA FERISCE, DI VERGA PERISCE!
null
Una vignetta di Staino per l'Unità

Un mons. rivela: "L'informativa è la classica minuta preparata per la Segreteria di Stato, destinatari Ratzinger e Bertone"...
-
Sembra un avvertimento mafioso. Sembra una nota della polizia. Sembra una patacca dei servizi. Sembra, sembra, sembrano tutti imbranati i nostri eroi investigativi. Scusate, ma ci vuole tanto a chiamare il Vaticano e chiedere un parere a chi di dovere sul giallo del "mini dossier" Boffo?
E' quello che Dagospia ha fatto. Abbiamo contattato un monsignore ben addentro alle liturgie della Santa Sede, ben distante dalla Lobby di Velluto by Ruini-Boffo. E la risposta è questa: "L'informativa è la classica minuta preparata per la Segreteria di Stato, destinatari Ratzinger e Bertone".
Perché è senza firma e senza alcuna intestazione?
"Intanto basta prendere anziché la fotocopia l'originale del documento, quindi metterlo controluce e si leggerà in filigrana "Officie Sanctae Sedis", in più si vedrà lo stemma pontificio".
Ma perché è anonima?
"Le minute preparate per la Segreteria di Stato Vaticana sono senza firma".
E quell'errore grossolano di ortografia, "sconcie" con la 'i'?
"Ormai gli italiani che lavorano alla Segreteria di Stato sono pochissimi. Africani, filippini, sudamericani hanno preso il loro posto. Il capo protocollo, per esempio, è originario del Malawi".
L'errore più grossolano che tutti noi abbiamo compiuto in questa storia infernale?
"Quello di scrivere che Ruini ha 'creato' Boffo. Esattamente il contrario". (dagospia.com, oggi)

null.null
null
Category: General
Posted by: editor
null.null
null
(Riceviamo e pubblichiamo)
"E' necessaria un'operazione di trasparenza sulla partecipazione di Sonia Masini alle celebrazioni per il trattato di amicizia italo-libico, che di fatto coincidono con i festeggiamenti per il 40° anniversario della presa del potere da parte di Gheddafi, visto che i due eventi si tengono a poche ore di distanza l'uno dall'altro.
I cittadini reggiani, in un periodo in cui le risorse pubbliche dovrebbero essere usate in maniera particolarmente oculata e indirizzate a contrastare gli effetti della pesante crisi economica in atto, sono interessati a conoscere il carattere della missione svolta dalla presidente della Provincia in un Paese, la Libia, governato da un despota specializzato in violazioni dei diritti umani.
Se c'è andata per sostenere l'export delle imprese reggiane in Libia, la presidente poteva risparmiare ai contribuenti reggiani l'inutile spreco, sia perchè le imprese sono dotate di efficienti uffici commerciali, sia perchè non si vede quali altri servizi per l'export in più la nostra Sonia Masini possa offrire rispetto a ICE, Ambasciate, Consolati, Camere di Commercio, associazioni imprenditoriali, banche, società di consulenza e Ministero Affari Esteri.
Quindi Sinistra e Verdi considera la visita politicamente del tutto inopportuna, anche perchè avviene pochi giorni dopo che il dittatore libico ha suscitato l'indignazione del mondo accogliendo come un eroe al rientro in patria il terrorista Al Megrahi, condannato a molti anni di carcere come responsabile dell'attentato di Lockerbie che nel 1988 costò la vita a 270 innocenti. Non è un caso che a questi festeggiamenti, per marcare la loro doverosa presa di distanza dal dittatore libico, abbiano dato forfait tutti i capi di governo mondiali: tutti tranne uno, Silvio Berlusconi". (Sinistra e Verdi - Reggio Emilia)

null
Category: General
Posted by: editor
null.null
Un ceramista disoccupato (che poi ha cercato il suicidio) compie una mattanza nella frazione tra Reggio e Arceto. L'uomo è in coma dopo aver preso farmaci e alcol. In fin di vita un altro figlio di 4 anni e la padrona di casa
-
Strage famigliare la scorsa notte a Sabbione, frazione di Reggio Emilia. Davide Duò, ex operaio ceramista disoccupato di 47 anni di origini torinesi, ha ucciso nel sonno la moglie Sandra Pattio (45) e il figlio Thomas (19), ha ridotto in fin di vita l'altro figlio Marco di 4 anni ed Elisabetta Detti, padrona di casa 79enne che da tempo li ospita, amica della madre di sua moglie. Poi ha tentato il suicidio ingurgitando alcol e farmaci in quantità. Quindi intorno alle 4,15 ha chiamato il 112, dopo di che si sarebbe gettato da una finestra del terzo piano. Lo hanno rilevato gli accertamenti medici dopo che è stato portato in coma all'ospedale di Reggio Emilia.
La strage è stata compiuta, secondo i primi accertamenti, utilizzando una mazzetta da muratore e un coltello per disossare i prosciutti. Secondo gli investigatori si è trattato di «una vera e propria mattanza». Il fatto che non abbia lasciato biglietti rende difficile la ricostruzione del movente ma le prime ipotesi propendono per un disagio di natura psicologica forse legato alla mancanza di lavoro. Duò da tempo soffriva di depressione ed è definito «un tipo ombroso» da chi lo conosce. I suoi parenti, che vivono nella vicina Scandiano, lo sentivano pochissimo e da tempo non lo vedevano. Alcune persone che lo conoscono lo hanno definito ai cronisti come «un tipo ombroso». (Corriere.it)
Category: General
Posted by: editor
E' la Kaiti Business Communications / Già: la carta piace sempre meno...
Category: General
Posted by: editor
Satira clerico-giornalaia / PIOVE SUL 'BAGNASCO'...
Gira voce che il vice-direttore del 'Giornale di Reggio' potrebbe essere chiamato a dirigere il new deal del quotidiano della CEI!
null.null
L'altrettanto ottimo Tincani, invece, attuale direttore del settimanale diocesano "La Libertà", prenderebbe in mano le redini del quotidiano dell'europarlamentare dell'Udc Motti. Dietro l'operazione (in ovvio odore di santità) l'asse Ruini-Bonferroni-Bonafini.
Escluso dai giochi del "riassetto", a quanto pare, il gruppo Spallanzani, che nelle ultime settimane si è visto "scavalcare" dal giornale rivale (per puntualità e determinazione, talvolta anche zelo) su buona parte dei temi cari alla Curia e alla Chiesa, dalla pillola del giorno dopo ai "comunismi" del giorno prima.
Insomma, un'altra tegola per il manager Mazzoni, che ai microfoni di Radio Maria proprio ieri ha rivelato: "Motti esce in panino con un giornale di centrodestra, mentre noi, più a destra di lui, usciamo in hot-dog con un giornale di centrosinistra. E ancora: fino a poco tempo fa eravamo noi il punto di riferimento del mondo cattolico reggiano, con una flotta di preti e suore che giravano per la redazione. Finché il piano di tagli che abbiamo da poco varato ci ha costretti a privarci del fondamentale apporto degli amici "consacrati"... oh, piove sempre sul Bagnasco, tanto che adesso quel satanasso d'un Giornale di Reggio, messo insieme da miscredenti e reprobi generici, ci ha portato via tanto l'identità quanto il nostro lettore-tipo.
Quel diavolo d'un Zambrano, lui e la sua messa in latino... E pensare che un paio d'anni fa ho tribolato non poco per averlo nella nostra scuderia: di più, sono convinto che con l'ottimo Ramina avrebbe formato un duo perfetto, la mano destra e la mano sinistra di Dio... Gli auguro comunque tanta fortuna, perché se la merita: personalmente, ad esempio, lo vedrei molto bene a dirigere 'Avvenire', il giornale del Ceis... o magari Nigrizia, l'house-organ della Lega Nord".


null
Category: General
Posted by: editor
Il nostro Papi invece non si ritira e anzi, a quanto pare, rincara la dose...
null
(*) Pescocostanzo è un comune di 1.195 abitanti in provincia dell'Aquila. Appartiene alla Comunità Montana Alto Sangro e Altopiano delle Cinque Miglia. Fa parte del Club Dei Borghi Più Belli d'Italia.

(Satira editorial-religiosa) / GIANPAR'S VERSION (il "torso" marsicano)
null
"PENSO PROPRIO CHE CON IL PROPRIO CORPO, QUESTO CORPO, SPECIE SE PURO E DURO, CIOE' SANTO, COME IL MIO, CIASCUNO DI NOI POSSA FARE CIO' CHE MEGLIO CREDE. PER QUESTO ESPRIMO LA MIA SINCERA SOLIDARIETA' A BOFFO, DIRETTORE DEI PROGRAMMI TV DELLA CEI (VIA SATELLITE: SAT2000) CHE ANCHE LA NOSTRA TELETRICOLORE MOLTO VOLENTIERI TRASMETTE. SI', LO SO, FELTRUSCONI HA SCRITTO CHE IL CAPO DI "AVVENIRE" E' OMOSEX: E ALLORA? QUALCHE MESE FA IL DIRETTORE DI BEN TRE TESTATE DEL NOSTRO GRUPPO, NOTORIAMENTE LEGATO ALLA CURIA, ERA L'OTTIMO BEPPE RAMINA, LEADER STORICO DEL MOVIMENTO GAY... SCUSATE UN PO' SE MI RIPETO, MA DICO E CHIEDO: LO SCANDALO DOVE CACCHIO E'!?"

L’ARRESO (NUOVA RUBRICA!) / Pensieri sparsi dal vento come le piume di un pettegolezzo: o dello “Stabant Sandrone e Fagiolino”
di Gianfranco Parmiggiani (...traviato dall'umido clima abruzzese)
-
Sarò rapido ed indolore. L’utilizzo della prima persona (se non sei Montanelli) nella stesura di un rubrica è di per sé un abuso di autorevolezza ma servirà almeno per arrivare più direttamente al cuore del problema. Con una premessa: visto che il meneghino Borgonovo mi ha carpito col titolo “L’esiliato” l’idea di fondo della mia prima rubrica ciropiccinesca “Asilo politico”, mi vedo costretto al maquillage del titolo che, simbolicamente, racchiude anche un esistenziale passo indietro rispetto alla condizione scrittoria iniziale. Uno stato fisico e psicologico, come rivela la condizione descritta, di totale disillusione-disincanto, al limite della disperazione (che per Caproni è però l’adito al massimo della libertà intellettuale) davanti all’evolversi incessante della vicende reggiane.
Ho atteso non a caso il tramonto di questa insignificante estate per esprimere un parere sulla raffazzonata stagione culturale e non creare il sospetto di gufare per puro spirito iettatorio sulle sorti del cartellone più scontato del mondo, “Restate”. L’impressione generale, mentre fanno capolino gli ultimi rigurgiti di caldo infernale, è quella della totale mancanza di un filo conduttore, di un pensiero a monte, di una finalità a valle. Insomma gli amministratori deputati ad arricchire la nostra mente, magari divertendo il nostro tempo libero, e tutta la loro schiera di consulenti beneficiati, pescati perlopiù nel ristretto ambito (...) delle affinità elettive (nel senso politico del termine), sembrano navigare a vista nel maremagnum dell’insipienza "parentale". La palma del "cazzeggio", sul fronte culturale, mi sento di assegnarla alla rassegna futurista (?) indetta dagli scipiti epigoni tondelliani (...) Visto che anche l’anedottica esige il suo sacrificio (e Borgonovo ha sciorinato fior fior di storie con personaggi di primo piano e secondo pelo), anch’io svelerò un particolare personale.
Armato delle migliori intenzioni, certo delle minori attenzioni, mi stavo recando a Reggio bel bello ad ascoltare l’ultimo prodotto di quella gioiosa macchina di concorsi letterari che attraversa il Paese in modo direttamente proporzionale alla dismissione di libri letti: Tiziano Scarpa, vincitore dello Strega con l’ambizioso romanzo “Stabat Mater”. Giunto in prossimità del parco dell’Orologio però, udendo le risate sincere dei bambini, ho arrestato il mezzo deambulatorio con una brusca frenata incuriosito dall’infantil schiamazzo. Accompagnati da genitori e parenti, una folla familiare (numericamente non inferiore, verrò poi a sapere l’indomani, a quella di Scarpa) stava assistendo allo spettacolo di burattini “Sandrone e Fagiolino, barbieri dei morti”. E, ormai vinto, mi sono unito nella penombra al pubblico del giardino, conscio che in quel modo si stava creando uno spazio culturale molto più prossimo alle nostre tradizioni. Lì mi sono definitivamente ARRESO. Finito.
Ho parlato più di me che del resto. Mi perdonerete ma è il frutto più squisitamente amato di una inarrestabile decadenza. Ora attendiamo il terzo moschettiere della penna, quell’Aramis dello svolazzo scrittorio che porta il nome di Max, indomita voce di tanti dibattiti pubblici (...)".
Category: General
Posted by: editor
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 7
Il dominus dell'informazione CEI è stato scelto dal cardinale reggiano...
null
"Oggi la Curia che fa capo a Bertone ha brindato alla 'caduta' del pupillo di Ruini (Camillo - ndr)" (Dagospia, oggi / Sarx88.com)

null
Già, da che pulpito... ovvero: chi è senza peccato scagli la prima pietra...
Feltri-Belpietro rompono le uova nel paniere al solito moralismo ipocrita

-
I direttori filo-Papi escono dall'angolo, invertono i ruoli e ripagano con la stessa moneta le "anime candide" della sedicente intellighenzia catto-piddina: "Boffo e Mauro non sono un modello inattaccabile, dunque si astengano dall'alzare il ditino (spocchioso) contro i loro simili..."
null
Bel posto, ottimo hotel... qui a Fara San Martino manca però una cosa...

null
Parco della Maiella, Abruzzo: borghi antichi, paesini arroccati, zero f..a!

null
Pauroso incendio, lunedì scorso, poco prima di mezzanotte, nel parcheggio della pizzeria Paprika di Reggio, dove un camioncino e un'auto sono stati distrutti da un muro di fuoco. I clienti seduti nella distesa estiva si sono alzati e spostati dentro al locale, chiudendo dietro di sé ogni porta-vetro allo scopo di scongiurare la malaugurata ipotesi di finire asfissiati o anche solo intossicati dal gas sprigionato, che salendo aveva già completamente invaso gli spazi della cena. Poi, prima che la situazione volgesse al peggio (alcune ruote dei veicoli erano già scoppiate, mentre la cortina fumogena stava invadendo anche l'interno del locale, dove hanno trovato ossigeno i circa 20-25 clienti "in ostaggio" delle fiamme e del fumo), sono arrivati i vigili del fuoco, che in poco tempo hanno domato la situazione e riportato il parcheggio alla normalità. Salvo (e "illeso") per miracolo lo scooter di Zarathustra, parcheggiato proprio di fronte al camioncito arrostito.

null
null
SIRENETTO/10 anni fa, Olbia (1999): P. Salvarani in barca con D'Alema
Category: General
Posted by: editor
MERCOLEDI' 2 SETTEMBRE SIAMO ALLA LIBRERIA "ALL'ARCO"
Fun Beer Concerts # 2 // Di e con (e per) Ciro Andrea Piccinini (*)
Ore 18.15 // Via Emilia S. Stefano n. 3 (centro storico di Reggio E.)
null
E' il secondo dei tre "Fun Beer Concerts" (il primo è andato in scena nel cortile della biblioteca Panizzi il 22 luglio) pensati e realizzati dal performer entro la fine dell'anno.
-
Un mini-ciclo di esibizioni della durata di circa 30 minuti ciascuna, tra preludi, notturni e fantasie improvvise (e poi echi, richiami, reveries).
-
Il live-act avrà inizio solo quando (e se) sarà stata raggiunta un'atmosfera di assoluto silenzio. In sala non sono ammessi telefoni cellulari né fotocamere digitali né sex-toy da borsetta, se non debitamente "smontati" o preventivamente "disattivati".
Il tour management del non-artista si riserva di autorizzare, subordinando il tutto all'insindacabile "sentiment" della produzione, eccezionali e comunque circoscritte riprese audiovisive per i circuiti radio-televisivi della Nuova Guinea.
-
L'evento sarà audioregistrato (magari anche aviotrasportato). Di sicuro autoriferito.
Category: General
Posted by: editor
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 6 / Sotto, una dorata villa a Miami
null
(Satira editoriale - 2)
Di contro, fonti attendibili interne alle redazioni sostengono che il sommo proprietario del gruppo sia ancora in vacanza nella sua lussuosa villa di Miami Beach, in Florida. "Aspettiamo che rientri, così magari ci rivolgeremo a lui direttamente e amichevolmente, senza alcuna polemica, per sapere qualcosa in più sul nostro futuro e su quello dei giornali e delle televisioni: vorremmo andare verso una soluzione che ci siamo permessi di ribattezzare "Stilma", ovvero verso un 'patto d'acciaio', magari zuccherato ma non mescolato, tra noi e l'azienda".

null

-> ESCLUSIVO! /// Iniziata una fase di austerity in via Edison!
.null
Un gruppo di dipendenti del network televisivo (che da quel che si sa sta distribuendo alcuni stipendi a singhiozzo, ossia a rate), che si attovaglia tutti i giorni al Bar Mauriziano, proprio di fronte agli "studios", oggi, per la prima volta, anziché affidarsi come di consueto alla tavola calda del locale amico, il drappello di "giornalisti da pic-nic" in servizio (magari per risparmiare sulle spese del vitto... e magari dopo aver letto il poco confortante articolo uscito su 'La Repubblica' stamattina) ha banchettato - pur dignitosamente - con vivande "autoprodotte", cioè portate da casa. Questo il loro caustico, lungimirante e "digiunante" commento: "Se di bufale dobbiamo morire... beh, meglio che si tratti di mozzarelle".
-
(Satira editoriale - 1)
Ma per fortuna c'è una buona notizia. Informata della cupa situazione, la Curia (peraltro legata a doppio filo al gruppo editoriale in questione) è intervenuta prontamente con un rassicurante comunicato: "Tranquilli, alla mensa del Vescovo un pasto caldo lo troverete sempre..."
null
Nella foto sopra, alcuni redattori de "L'Informazione" qualche giorno fa. Per risparmiare sul coperto... preferiscono pranzare all'aperto ("Lunch atop a skyscraper", 1932 - Charles C. Ebbets)
Category: General
Posted by: editor
EDITORIA IN MOVIMENTO
->Intanto un dipendente del gruppo parte per una vacanza in Abruzzo...
null
Il capo-redattore di Teletricolore soggiornerà a Fara San Martino da domani e fino a domenica. Con lui anche Zarathustra e, forse, il suo nuovo amico volpino, un "terzupede" ("Sì, perché cammina su tre zampe", spiega Gianpar) che il giornalista reggiano sta frequentando assiduamente (e con grande soddisfazione affettiva) negli ultimi giorni.

null REGGIANI ALLA RIBALTA - 5
E poi vendite che non sfondano, contributi pubblici che non arrivano, strategie e sinergie che non decollano, bilanci che soffrono, edizioni e direzioni che saltano (a Parma).
E mentre i sindacati scrivono al Grande Capo (che qualcuno ha ribattezzato "Sotuttoio"), sul futuro del gruppo editoriale si addensano strane nubi...

-
Mentre i 128 dipendenti stanno vivendo giornate di forte preoccupazione
-
CURIALE. Il "Boss" indica i futuri orizzonti del gruppo al suo Cardinale...
null
Lui conferma le difficoltà ("La situazione è troppo problematica") ma è moderatamente ottimista: "Chiuderemo i bilanci della carta in pareggio"
-
Anche il quotidiano "La Repubblica" oggi si occupa del caso. (Ecco come)
E'-tv, spira aria di crisi. Stipendi a singhiozzo. La preoccupazione dei sindacati per la televisione che conta 60 dipendenti.
Lo stipendio di agosto a è-tv arriva "a rate" e il sindacato chiede un incontro con la dirigenza del network, di proprietà del Gruppo Spallanzani di Reggio Emilia, per verificare se "il problema finanziario è solo contingente o se invece ci sono motivi più ampi di preoccupazione", in un momento in cui sono tanti i gruppi editoriali pronti a dichiarare lo stato di crisi.
"La lettera indirizzata a Giovanni Mazzoni, direttore responsabile, partirà immediatamente - dice infatti Alessio Festi, coordinatore regionale della Slc-Cgil che si occupa dei lavoratori della comunicazione -: sappiamo che c’è stato un problema finanziario di liquidità, vogliamo sapere se dietro a questa modalità di dare lo stipendio diviso tra un acconto e un saldo finale ci sono incertezze più grosse".
Intanto, i "problemi tecnici" si moltiplicano, nella gestione ordinaria dell’emittente, che conta circa 60 dipendenti, cifra che arriva a 128 contando anche i lavoratori dei quotidiani del gruppo, tra cui, dall’inizio dell’anno, figura anche "L’Informazione-Il Domani", ceduto da Legacoop. Sabato scorso, per il derby Bologna-Fiorentina, "è-tv" non ha potuto trasmettere immagini dallo stadio per un guasto e la giornalista Sabrina Orlandi è rientrata in studio a commentare la partita. Ma già sabato, da Bari, i collegamenti dovrebbero essere irradiati regolarmente. Dal primo agosto s’è dimesso uno dei membri del c.d.a., Paolo Giovanardi, e ancora, fin qui, non è stato sostituito. Ai sindacati risulta pure un ritardo nell’erogazione del contributo pubblico per l’editoria, che avrebbe prodotto un ammanco di svariati milioni di euro.
Sul futuro del gruppo pesa anche l’incognita se il contratto di solidarietà dei giornalisti de "L’Informazione-Il Domani", che prevede una riduzione dell’orario di lavoro del 25%, terminerà il 31 agosto o verrà prorogato per un altro anno. Ma i giornali non sembrano il problema principale nei bilanci del gruppo, se è vero che, come dice Mazzoni, "con gli aggiustamenti doverosi, ci sono le condizioni per chiudere i bilanci della carta stampata in pareggio".
Le nubi sembrano addensarsi sul destino dell’emittente, che ha una situazione anomala rispetto alle altre reti locali. "Le reti locali tradizionalmente hanno un numero molto ristretto di dipendenti — dice Mazzoni — mentre noi siamo tanti, 60 solo per la tv, molti dei quali giornalisti". Una crisi del settore che travolge i grandi gruppi certo non può risparmiare i piccoli, accomunati dalle stesse difficoltà economiche e di reperimento degli inserzionisti pubblicitari.
"I problemi sono quelli di una crisi complessiva dell’editoria e per questo sono comuni a tutto il settore. Purtroppo bisogna prendere atto di una situazione troppo problematica - dice infatti il direttore responsabile -: bisogna vedere se si deciderà di rimediare con interventi strutturali comuni a tutti o con correzioni dell’esistente che ognuno dovrà apportare per sé. Mi sembra sia questa la linea che sta prevalendo". Per ora comunque c’è la disponibilità a incontrare i sindacati, per fare un punto della situazione. (Eleonora Capelli, "La Repubblica", oggi)
Category: General
Posted by: editor
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 4
THE SHOW MUST GO ON! (BUSINESS IS BUSINESS?)
Intanto l'11 settembre (data nefasta) s'esibirà con la band a Festareggio
null
Titolo e articolo del Messaggero (19 agosto):
Danilo Sacco cambia vita: «Non canterò più a tempo pieno con i Nomadi». Dopo 17 anni nella band, un infarto e tre interventi il cantante ha deciso di cambiare vita
-
«Non farò più il cantante a tempo pieno». A 44 anni è venuto il momento di voltare pagina per Danilo Sacco, la voce dei “Nomadi”. «Non posso e non voglio più fare 600 chilometri al giorno, 150 concerti all'anno. L'ho fatto per 17 anni ma adesso sono costretto a chiudere con la vita di prima», ha detto il cantante, che, dopo l'infarto che lo ha colpito nel maggio scorso e tre interventi al cuore, ha deciso di cambiare vita.
Tra un bicchiere di rosato e un the verde giapponese nella sua casa di Agliano, tra le colline astigiane il cantante dei Nomadi ha deciso di confessare le proprie ansie togliendosi anche qualche sassolino dalla scarpa. «Ero a casa a guardare un dvd sui vichinghi - racconta Danilo Sacco - di ritorno da una faticosa tournée in Sardegna e da una tappa a Caserta dove ho cantato nonostante una dolorosissima otite curata a suon di cortisone, quando ho avvertito un dolore molto strano, particolare alla spalla. Mi sono fatto accompagnare da mia moglie all'ospedale e dopo quattro iniezioni di morfina mi hanno operato. Al termine dell'intervento ho deciso che avrei cambiato tante cose della mia vita».
Per il momento Sacco si limiterà a seguire i Nomadi in tournee salendo sul palco per non più di un'ora (e sempre come cantante part time). La moglie Chiara sta trattando con il resto del gruppo per quanto riguarda il futuro musicale di suo marito, cosa che pare abbia sollevato qualche critica dagli stessi componenti dei Nomadi. «Sarà mia moglie d'ora in avanti a curare i miei interessi - ha spiegato Danilo - se qualcuno non sopporta questa mia decisone non è un mio problema». «I Nomadi sono stati come una famiglia per me - ammette Sacco - e quando sono entrato nel gruppo sono stato protetto, messo sotto una vera e propria campana di vetro. Una campana di vetro però che a volte mi ha fatto mancare l'aria».
Dal maggio scorso quindi qualcosa è cambiato soprattutto per quello che concerne il rapporto con il mondo musicale. Cosa farà quindi nel prossimo futuro Danilo ancora non lo sa e resta in attesa di una risposta soprattutto da parte di Beppe Carletti leader dei Nomadi. Sa per certo che si dedicherà di più alla famiglia, alla sua casa, agli animali e all'orto coltivando forse quel sogno rimasto nel cassetto per tanti anni: fare del rock and roll all'italiana.
(Il Messaggero, 19 agosto)
-
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 3 ANCORA MUSICA / 20 ANNI FA
SCANDIANO DOCUMENTO MICIDIALE: SANDRO A "ITALIA UNO"!
Category: General
Posted by: editor
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 2
null.null
null
Citiamo da L'Antefatto di sabato 22, "aperitivo" del quotidiano che verrà!
"(...) "Accuse inconsistenti, circuito mediatico giudiziario prima del voto, fuga di notizie"... Puntuale, alla ripresa dei lavori parlamentari, il ministro Alfano risponderà all'interpellanza del deputato reggiano Emerenzio Barbieri, transfuga dall´Udc... Giovanardi propala sui quotidiani la "giustizia ad orologeria", mentre Barbieri, già noto alle cronache per aver lamentato la mancanza di un parrucchiere gratuito alla Camera per le colleghe, sottopone al ministro Alfano "le modalità spettacolari del blitz della Finanza ed il clamore mediatico che hanno accompagnato la vicenda (cioè l'accusa mossa ad esponenti dell'Udc modenese per questioni che non ci competono - ndr) alla vigilia del voto" chiedendo l'invio di ispettori per la "divulgazione di notizie riservate" (...)".
Category: General
Posted by: editor
null REGGIANI ALLA RIBALTA - 1
null
null
L'altro ieri (sabato 22) il sito voglioscendere (dei giornalisti Travaglio, Gomez e Corrias) ha rilanciato una complessa e delicata questione (fatta di accuse e smentite risalenti a un anno fa) che ha visto finire nell'occhio del ciclone il reggiano Walter Ganapini, "ex" presidente di Greenpeace in Italia e oggi assessore regionale in Campania con delega alla "monnezza" e agli inceneritori, peraltro già coinvolto in un curioso (qualcuno sostiene inquietante) incidente stradale.
Una dettagliata (severa e comunque tutta da accertare) ricostruzione della vicenda è rintracciabile on-line anche sui siti domani.arcoiris.tv (di Maurizio Chierici), wikileaks.org e, ovviamente, su youtube.com

-
* LEGGI E GUARDA - 1
* LEGGI E GUARDA - 2
* LEGGI E GUARDA - 3
* LEGGI E GUARDA - 4

WALTER-EGO E la bella intervista di Incerti (datata giugno 2008 e a suo tempo finita sul blog del comico genovese) ha totalizzato 95.000 visite...

L'OLANDESE VOLANTE!
-> Intanto il giornalista (e grillino) si dedica al parapendio in Corsica...
Category: General
Posted by: editor
Quali nuovi stimoli (ora che i giochi sono fatti e i dadi tratti)?
null
CINQUE VARIAZIONI SUL TEMA DEI FESTIVAL
1) Si salvi chi può! Torna il mini-festival novellarese "Uguali_Diversi", in programma il 12 e 13 settembre (seconda edizione). Titolo-concept di quest'anno: "Immaginare futuro: per riflettere, discutere, capire". Tra gli ospiti: David Sassoli e Salvatore Natoli.
2) Quasi quasi è meglio il meeting di CL (Comunione e L'Aberrazione), in corso di svolgimento, da ieri e fino al 29 agosto, a Rimini.
3) Intanto torna l'altisonante festival della Filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo, ideato sulla scia turistico-commerciale della "madre di tutte le rassegne": il festival della Letteratura di Mantova.
4) Continua a "tambur rompente" Festareggio, il cui slogan invita tutti ad andare a quel paese ("Dai che andiamo"... "ma andate avanti voi, che a noi scappa da ridere", ama ripetere il secondo tragico Fantuzzi). A proposito: oggi sulla Gazzetta è apparsa la recensione di un incontro svoltosi sabato sera... ma quello in foto non è Riccardo De Pietri, l'autore, bensì Ugo Bedeschi, il presentatore.
5) Non ci resta che il festival della Mente di Sarzana, in programma dal 4 al 6 settembre.

Nuove rivelazioni del giornalista-poeta Gianfranco Parmiggiani
null
(*) Cà Mazzoni è un borgo tra La Vecchia (Vezzano) e Giandeto (Casina)

null
Casalgrande: festa insieme per gli atleti delle Olimpiadi del Tricolore

BEL COLPO! Far ridere? È uno strumento di potere
L'abilità a far sorridere è uno dei modi con cui si esercita la leadership
-
L’umorismo ha un legame strettissimo con il potere e far ridere gli altri è un modo per controllarli: lo afferma una celebre sociolinguista che ha studiato le risate e chi le cause nella loro valenza sociale. Dire le cose scherzando è una strategia comunicativa conosciuta da sempre dagli esseri umani, i quali si appellano al senso dell’umorismo, di volta in volta e a seconda del genere, per tranquillizzare (per esempio il medico con il paziente), per comunicare verità scomode, per sciogliere le tensioni, per instaurare legami, per sfogare le frustrazioni, per sedurre. In tutti i casi l’abilità nello strappare un sorriso è una prerogativa dei leaders, maschi o femmine che siano, e ironia e potere vanno a braccetto.
Helga Kotthoff, dell’Università di Friburgo, ha condotto uno studio pubblicato sul Journal of Pragmatics, approfondendo il significato dell’ironia come strumento di controllo sociale e soffermandosi anche sull’uso del senso dell’umorismo nei due sessi e nella storia.
Se è vero che entrambi i sessi fanno ridere per esercitare una supremazia è vero anche che esistono molte diversità di genere nel come si fanno ridere gli altri. Le donne nella cultura occidentale sorridono molto e ridono poco, mentre per gli uomini la risata è più liberatoria. Il sorriso femminile smussa le tensioni e facilita le relazioni, la risata maschile spesso invece libera una certa aggressività. Non stupisce che il movimento femminista abbia influito anche sul senso dell’umorismo, sdoganando la risata femminile da un’etichetta troppo rigida e parificandola sempre più a quella del «sesso forte».
(Emanuela Di Pasqua, Corriere della Sera di oggi)
Category: General
Posted by: editor
Zar. è rientrato oggi dalla sua settimana di vagabondaggio in montagna
null

((***))

MA CHE BELLA SPUTTANATA (ERA ORA!) (Vittoria!Vittoria!Vittoria!)
- Stop alla gestione degli autovelox a società private.
- Mai più pattuglie nascoste per la rilevazione della velocità.
- Massima tutela della privacy.

*
TRUFFE ADDIO! / "NON SARANNO PIU' USATI PER FARE SOLDI"
*
Sono alcuni dei contenuti della direttiva del Ministro dell'Interno Roberto Maroni "volta a garantire un'azione coordinata di prevenzione e contrasto dell'eccesso di velocità sulle strade, emanata proprio a ridosso dei rientri dalle vacanze. La direttiva firmata dal Ministro, inviata ai Prefetti e agli organi di polizia stradale, mira a disciplinarel'utilizzo degli strumenti di controllo della velocità ispirandosi a criteri di efficienza e trasparenza. L'obiettivo è la prevenzione sulle strade, in vista del traguardo fissato dalla Commissione Europea di dimezzare entro il 2010 il numero delle vittime per incidenti stradali". La direttiva affida ai Prefetti il compito di monitorare sul territorio il fenomeno della velocità e di pianificare le attività di controllo,avvalendosi del contributo delle Conferenze Provinciali Permanenti, dove sono rappresentati tutti i soggetti pubblici interessati alla materia. In particolare, dovranno essere individuati i punti critici per la circolazione dove si registrano più incidenti (con riferimento al biennio precedente) e dovrà essere previsto il diffuso impiego della tecnologia di controllo remoto, che consente il controllo di tutti i conducenti che passano in un determinato tratto di strada con contestazione successiva della violazione.
La Polizia Stradale, quale Specialità della Polizia di Stato, attuerà il coordinamento operativo dei servizi con il compito anche di monitorare i risultati dell'attività di controllo svolta da tutte le forze di polizia e dalle polizie locali. Questi i contenuti principali della direttiva: 1) gestione delle apparecchiature solo da parte degli operatori di Polizia, 2) controllo periodico della funzionalità degli apparecchi, 3) modalità di segnalazione della presenza delle postazioni di controllo improntate alla massima trasparenza, 4) modalità di accertamento e contestazione delle violazioni in materia di velocità (non è sempre richiesto il fermo del veicolo per contestare la violazione), 5) tutela della riservatezza (le foto o le riprese video devono essere trattate solo da personale degli organi di polizia incaricati al trattamento e alla gestione dei dati).
-
Addio alla alla gestione dei sistemi di rilevamento di velocità da parte di società private: ora gli Autovelox saranno gestiti solo dalla Stradale.
E i Prefetti dovranno individuare i punti critici per la circolazione dove montare le apparecchiature elettroniche. Insomma, siamo davanti a una vera rivoluzione che dovrebbe stroncare una gestione degli autovelox volta solo a fare cassa.
E’ proprio con questo spirito poi che oltre ad avere la gestione delle apparecchiature solo da parte dagli operatori di Polizia, ora ci sarà un controllo periodico obbligatorio di funzionalità degli apparecchi, ma anche nuove segnalazioni della presenza delle postazioni di controllo (“improntate alla massima trasparenza” come spiegano al ministero) e una maggiore tutela della riservatezza (“le foto o le riprese video devono essere trattate solo da personale degli organi di polizia incaricati al trattamento e alla gestione dei dati”).

Category: General
Posted by: editor
Gli abbiamo scritto una mail l'8 agosto e lui non ci ha ancora risposto!
null
L'assessore all'immigrazione è anche il responsabile della kermesse Pd
-
La sacrosanta direttiva del ministero dell'Interno: stop alla gestione delle apparecchiature affidata a società private e massima tutela della privacy
Autovelox e velocità, si cambia: «Mai più pattuglie nascoste»

Autovelox si cambia. Una direttiva del ministro dell'Interno, Roberto Maroni, emanata a ridosso dei primi rientri dalle vacanze, stabilisce che le apparecchiature verranno gestite d'ora in poi solo dagli operatori di polizia, mettendo dunque fine alla gestione degli autovelox affidata a società private. La direttiva del Viminale prevede poi che non ci siano più pattuglie nascoste per la rilevazione della velocità e garantisce massima tutela della privacy (le foto o le riprese video devono essere trattate solo da personale degli organi di polizia).
La direttiva affida poi ai prefetti il compito di monitorare sul territorio il fenomeno della velocità e di pianificare le attività di controllo. In particolare, dovranno essere individuati i punti critici per la circolazione dove si registrano più incidenti (con riferimento al biennio precedente) e dovrà essere previsto il diffuso impiego della tecnologia di controllo remoto, che consente il controllo di tutti i conducenti che passano in un determinato tratto di strada con contestazione successiva della violazione. La Polizia stradale attuerà il coordinamento operativo dei servizi con il compito anche di monitorare i risultati dell'attività di controllo svolta da tutte le forze di polizia e dalle polizie locali.
Category: General
Posted by: editor
-> "BISOGNA SAPER PERDERE" (Non sempre si può vincere) / The Rokes
LA COLOSSALE "TROMBATA" BRUCIA ANCORA: I POLITICANTI LOCALI NON HANNO ANCORA DIGERITO LO SCACCO MATTO DEGLI INDUSTRIALI GRANDI E PICCOLI, CHE HANNO SALVATO LA FONDAZIONE DAL NOTO MANUALE CENCELLI, IL LIBRO PIU' LETTO NELLE STANZE DEL POTERE...
null
null
(Satira politica)
Category: General
Posted by: editor
LA REGGIO "CINOFILA" / E tra un po' parte il "Reggio Film Festival"
Ma la Masini per non essere da meno vuole girare un "corto" su Matilde!
INTANTO UN ALTRO REGGIANO, CIOE' IL ROCKER LIGABUE, QUEST'ANNO FARA' PARTE DELLA GIURIA DEL FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA...

null
PIOMBO FUSO / Lo scandianese che suonava il fagotto e studiava da aclista, e che per nove anni (1995-2004) ebbe in sorte la guida della Provincia di Reggio E. (poi diventata "bella), mollò il futuro Pd (un partito ancora analogico, forse anche analcolico) per darsi anima e corpo alle "pd" (produzioni digitali, cioè "pubbliche distrazioni")

null
EROICA (EGOICA?) CONTABILITA'
Zarathustra ringrazia i 60 amici/amiche/fans che ci hanno inviato un affettuoso messaggio (o un saluto di auguri) nel giorno del nostro inutile, "compatito" compleanno: 34 via web (perlopiù Facebook) e 26 via telefono (perlopiù sms). Ecco l'elenco di questi ultimi:
Barbara M.
Anna
Lisa
Angela Z.
Lorenza B.
Valeria
Monica
Lorenza P.
Angela C.
Gloria
Alessandra
Silvia V.
Gessica
Silvia T.

Franco
Gabriele
Simone
Alfredo
Max
Gianfranco
Emanuele
Gino
Mirko
Giuseppe
Andrea
Emiliano
Category: General
Posted by: editor
null E OGGI POMERIGGIO, DOPO PIU' DI 4 (QUATTRO!) ANNI E MEZZO, "L'INFORMAZIONE DI REGGIO" ELEGGERA' (E NON E' DATO SAPERE SE PER ALZATA DI MANO O PER CALATA DI BRAGHE... mamma mia che battutona!) IL SUO PRIMO, STORICO CDR (comitato di redazione)

null ESCLUSIVO!
-
EDITORIA&FINANZA//LOTTA TRA TITANI, SPUNTA MR. SAMORI'
* FARA' CONCORRENZA A SPALLANZANI, GIA' SUO AVVERSARIO IN BPER

null.null
A sin., Erminio Spallanzani insieme a Vando Veroni, nuovo consigliere (area spaggiariana) del c.d.a. della Manodori. A ds., l'industriale dell'acciaio e dello zucchero insieme a Fabio Storchi, patron di Comer Industries. Spallanzani, proprietario del gruppo "èTv", è membro del ristretto comitato esecutivo all'interno del c.d.a. della BPER

null
L'avv. Gianpiero Samorì (nella foto sopra mentre parla all'assemblea BPER), che pochi mesi fa ha capeggiato una qualificata cordata per la scalata al vertice della sua amata Banca Popolare dell'Emilia Romagna (poi neutralizzata dai Leoni-boys: Guido è a tutt'oggi il presidente), già sul finire del 2008 pare abbia incontrato alcuni giornalisti in vista di un suo eventuale sbarco editoriale a Reggio

Secondo rumors attendibili, carpiti nell'ambiente editoriale locale, il gruppo editoriale Modena Capitale Media, che farebbe capo all'avv. Gianpiero Samorì, big del panorama bancario-finanziario nazionale e già vice-presidente dei "circoli del buon governo" ideati da Marcello Dell'Utri, sta per sbarcare a Reggio.
Il gruppo modenese, infatti, che si starebbe già muovendo sulla piazza di Bologna e che si appresta a diventare, sul campo, cioè in edicola, il naturale concorrente (in senso "geopolitico") del gruppo che fa capo all'industriale Nino Spallanzani (che oggi edita quotidiani cartacei a Bologna, Modena, Reggio e Parma), da meno di cinque mesi pubblica il quotidiano "Modena Qui", vale a dire otto pagine generaliste in formato 'Herald Tribune'.
Inutile dire che siamo curiosi di vedere se le sugose voci (autentiche? interessate?) di questi giorni troveranno conferma nei prossimi mesi, laddove il panorama giornalistico reggiano, già affollatissimo, potrebbe arricchirsi di una nuova testata e di nuovi protagonisti.

Category: General
Posted by: editor
40 anni dopo / 15 agosto 1969: iniziava il festival di Woodstock...
null
GURU (Passo del Cerreto, sabato 15 agosto 2009 - Foto: Silvia T.)
Non fiori né feste né cene né auguri ma opere di Bene (Carmelo)


nullnullnullnull

null
Category: General
Posted by: editor
nullnullnull
null
null
null
null.null
(*) LEONIDA, IL MARTIRE. La sua fama è legata alla strenua resistenza che oppose sul passo delle Termopili all'esercito persiano, guidato dal re Serse, durante la Seconda Guerra Persiana. Nel 480 a.C. gli efori, magistrati supremi di Sparta, preoccupati della conquista della Tessaglia (nord della Grecia) da parte delle truppe persiane, mandarono Leonida sul passo delle Termopili, posto tra il monte Eta e il golfo Lamiaco.
-
(Satira politico-finanziaria)
->Il Bonfo s'è preso la rivincita e ha messo al tappeto il Casta
null
null
Bini dice che la Prampolini trascorrerà il Ferragosto a "trasFormentera"...
***
BUEN RETIRO
null
REGGIANI NEL MONDO / NON C'E' SOLO LA MISSIONE AFRICANA...
Ma Prodi rimane a cavallo (non di Troia): per lui un incarico a Shanghai
Mentre la stampa amica è corsa a festeggiarne il compleanno a Bebbio
Category: General
Posted by: editor
Una notizia non vera andrebbe comunque smentita con identico risalto

scudodellaretescudodellaretescudodellarete

LA BUONA NOTIZIA! / I salmoni tornano a Parigi (dopo un secolo!)
«Sì, gli esemplari che risalgono la Senna sono sempre più numerosi». Grazie all'abbattimento dell'inquinamento in città
-
I salmoni tornano a nuotare nella Senna, fin sotto i grandi argini della capitale francese, dopo una assenza lunghissima, durata quasi un secolo. Tutto merito del recupero ambientale del grande fiume del nord della Francia e dei livelli d'inquinamento scesi a livelli accettabili. E non ci sono solo i salmoni a sguazzare tra i ponti di Parigi. Apprezzano la Ville Lumière anche altre specie migratori. Storicamente la Senna era sempre stato un fiume popolato dai salmoni, ma nel corso del XX e XIX secolo l'aumento delle dighe e la creazione di altri ostacoli alla risalita dei grandi pesci e soprattutto i livelli intollerabili di inquinamento - provocato da scarichi e residui tanto domestici che agricoli e industriali - ne aveva provocato una repentina scomparsa.
Il ritorno dei salmoni è stato testimoniato anche dai pescatori, che negli ultimi mesi hanno messo a segno catture particolarmente importanti. Per fortuna, le amministrazioni parigine hanno fatto notevoli sforzi per arrestare il deperimento della Senna: da 15 anni a questa parte non si segnalano alti livelli di inquinamento organico. Sforzi ripagati dal ritorno sotto i ponti parigini di trote e salmoni, considerato un «bio-indicatore» della qualità dell'acqua. Nel 1995 erano rimasti solo anguille e carpe. Ora, a fare zig zag tra i bateaux-mouche, si contano ben 32 specie.
Category: General
Posted by: editor
L'opinion-leader del Bar Mauriziano spara a zero e annuncia l'auto-esilio
null
null->CINQUE PEZZI FACILI (VIA EDISON VARIATIONS)
1) La "Informazione" di Parma lunedì non è uscita (...pare che non uscirà nemmeno nei prossimi, di lunedì).

2) Noblesse oblige? Il direttore Ivano Davol., già giaguaro in Jaguar, sfrecciava oggi sulla via Emilia, poco dopo le ore 14, alla guida di una Y10 viola (vecchio modello, probabilmente smarmittata).

3) Il papà di Federica Gall. (telegiornalista ABBA: alta-bella-bionda-abbronzata), già sindaco per 11 anni della montana e sciistica Sestola, è diventato vicepresidente (IdV) della Provincia di Modena.

4) Sembra che la giornalista Chiara Zin. si sia vista recapitare in un colpo solo ben 7 multe da autovelox, per un totale di circa 1.200 euro di sanzione (sarebbero 35 punti decurtati dalla patente?). Pare sia incappata nella terribile macchinetta di Salvaterra (sulla provinciale 51, in direzione Rubiera-Sassuolo), re-installata da poche settimane.

5) Gianfranco Parmigg. sta lavorando alacremente alla sua nuova raccolta di liriche, in uscita prima di Natale. Titolo provvisorio: "Canto d'addio penultimo". Il buon Zarathustra, invece, vista la meditabonda e crepuscolare cupezza dei componimenti in versi, molti dei quali dedicati ai fantasmi (assenti) dell'aldiqua e agli ectoplasmi (presenti) nell'aldilà, suggeriva quest'altro titolo: "Cripta manent". La plaquette, che uscirà per un piccolo "monolocale editore" ("Un'intera 'casa editrice' sarebbe troppo", scherza lui), sarà prefata dall'esimio poeta Emilio Rentocchini e commentata dal noto accademico Giovanni Mazzoni.
Category: General
Posted by: editor
nullIERI SERA (11/08) IL MODENESE EX MINISTRO ANTIDROGA ED EX UDC CARLO GIOVANARDI (OGGI SOTTOSEGRETARIO DI PAPI CON DELEGA ALLA FAMIGLIA) SI E' ATTOVAGLIATO COL SOLITO CODAZZO DI AMICI E PARENTI ALLA TRATTORIA FILIPPINI DI MONTERICCO DI ALBINEA

FESTIVAL FRANCESCANO IN ARRIVO, CITY 'ARCANGELS' IN ALLERTA!

ESCLUSIVO! In un video caricato il 2 luglio il braccio d'estro di Delrio viene ancora presentato (sia nel filmato sia nella didascalia del contributo, poi finito su Youtube) come "assessore al centro storico".
Come dire: fratello "Sòla" e sorella Iuna (Sassi)...


null
null
null
Category: General
Posted by: editor
nullnullnullnull
null
La tragica (comica?) e involontaria impaginazione d'un quotidiano locale

null
Successo per la mostra curata da Agazzani (100 artisti) in quel di Rimini

null.null
Donne, disco, mare: estate a mille per MM, il "re di denari" della notte...
null*ALTRI 5 PEZZI FACILI*
1) Dite all'organista Renato Negri, o magari a Ennio Pastorino, e perché no pure ad Andrea Talmelli, di fare gli auguri alla pianista Patty Soprani (da anni in tournée con la compagnia di Corrado Abbati), che oggi compie gli anni.

2) L'ex assessore provinciale al Lavoro Gianluca Ferrari (ex Prc) è partito sabato per la Croazia.

3) Il 18 agosto, probabilmente dopo aver festeggiato il compleanno di Zar. (17/8), Max Pan. raggiungerà Berlino. Gianpar, invece, suo sfidante dialettico estivo (il duello-match è previsto per la metà di settembre), ha prenotato cinque giorni di ritiro spirituale, a fine agosto, a Fara San Martino (Abruzzo), capitale della pasta. Sarà ospite del sindaco del paese (1.600 abitanti, 400 s.l.m., sul confine del parco della Majella... che però non c'entra niente con Majella Burani).

4) Sabato il quotidiano "Liberal" (diretto e amministrato da Ferdinando Adornato), area Udc, ha dedicato una pagina al librone (edito da Aliberti) di Paolino Guzzanti sulle spie russe.

5) L'altra sera il sindaco-glam di Casalgrande si è esibito in una scatenatissima polka alla festa del Pd al Parco Secchia di Villalunga, accompagnato dall'orchestra Bagutti e, in pista, da una ballerina non meglio identificata... (poi ha cantato a squarciagola "Nostalgia canaglia" di Albano Carrisi). Il tutto, stando a quanto ci hanno riferito le nostre talpe, mentre la segretaria del Pd locale, a pochi metri, veniva vistosamente e insistentemente corteggiata da un fashion-man (pare appena conosciuto) che indossava cafonalissimi occhiali bianchi.


null
1) Dite a Pino di fare gli auguri ad Emiliano Codelup., che oggi compie gli anni. Così come, oggi, li compie Lollo Notari, che ha appena preso casa in centro a Reggio, di fianco a piazza Fontanesi. Ma soprattutto, sempre oggi, tanti auguri a Valeria Braglia, anche lei alle prese con torta e candeline.

2) Vip-watching. Ci segnalano che ieri sera l'autorevole "commentatore pontificio" Alberto Melloni ha cenato (gramigna panna e salsiccia + crocchette di polenta fritta, così pare) all'Orchidea di Puianello... dove è arrivato alla guida di un'elegante e sportiva Mercedes 220.

3) Dite alla sindaca Antonella Incerti che la sua collaboratrice Tania Peder., matrona del centro benessere Eden ("Gente che sorride") nonché dirigente dell'ufficio elettorale del comune di Albinea, ha dato alla luce Riccardo. Congratulazioni (anche a Massimo B.)!

4) Mario Monducci ha chiuso su baracca e burattini e mandato tutti in Oriente? Sarà solo una coincidenza, ma pare che sia Rob. Rab. (mozione Marina... fonte Dimmelo Tu) sia Mar. Sca. (mozione Marino... fonte Facebook) siano impegnati in missioni umanitarie o turistiche in Thailandia e/o dintorni. Insomma, a quanto sembra da Gente di Reggio a Gente d'Asia il passo è breve... e l'Oceano indiano.

5) Il fotografo di Montecavolo Guido Mattioli (la Gazzetta di ieri scrive che forse non andrà a votare il referendum comunale del 20 dicembre: per forza, ha la residenza a Scandiano!) è appena rientrato da Skiathos (Grecia).

6) Il consigliere comunale di Scandiano Filippo Moretti (Lega Nord), fatto eleggere dai Montanari brothers con l'aiuto di Zarathustra, si è dimesso da gelataio, quindi anche da socio della gelateria Amarena. Voci insistenti lo danno come cuoco al Sali & Tabacchi da settembre.

7) Il 16 settembre c'è l'inaugurazione dell'Habanero (ex Ex-T), sulla via Emilia, di fianco a Maicol Sky Team. Sarà un lounge-bar (music & dinner) elegante e di tendenza, pensato e voluto dai "guerrieri della notte" Franco e Matteo, che esporteranno a Reggio, in versione aggiornata, la fortunata intuizione che diede vita al "Bananas" di Scandiano.

8) Giuseppe Pagliani sta terminando una settimana di vacanza in Sardegna passata insieme a un amico chirurgo, mentre Pier Francesco Grasselli se la passa nella sua casetta a Portofino.

9) Miriam Zanetti (Aliberti editore) va fiera della sua casa sull'isola di Albarella, dove passa le vacanze insieme al marito e alle due splendide figlie. Albarella, in provincia di Rovig, è un'isola che misura 5 km di lunghezza per 1,5 di larghezza; l'estensione è di circa 528 ettari, con 152 abitanti al censimento del 2001. Suoi vicini di casa sono la famiglia degli industriali Marcegaglia (che nel 1988 hanno comprato l'isola dal Credit Suisse) e Luca Cordero di Monteprezzemolo.

10) Mercoledì 2 settembre il buon Zarathustra (imitatio Jarrett) suonerà alla libreria "All'Arco" (secondo dei tre "Fun Beers Concerts", dopo il riuscito live del 22 luglio alla biblioteca Panizzi (ben 51 minuti di esibizione 'on piano solo').


null
Category: General
Posted by: editor
Bacchettate ("becchettate") tra cattolici reggiani null
nullIl notista-vaticanista del Corriere della Sera "è di Reggio Emilia, città di asili senza bambini, di ponti senza fiumi, di bandiere senza patria, di cooperative senza cooperazione"
null.null
A sin., il recensore di messe Langone; a destra, il "mangiaostie" Melloni

null.null
A sin., la rivista Concilium... che effettivamente "concilia" bene il sonno

null
Sopra (Ansa-Gobbi), riunione dell'ufficio-stampa del Comune di Reggio
-
"Il cuculo della chiesa cattolica Alberto Melloni, che da molti anni vive a carico della Sposa di Cristo becchettandone la dote, ieri sul Corriere ha insinuato che la divisione dei cristiani sia colpa dei cristiani. Mentre chiunque abbia almeno sfogliato il Vangelo (e un vaticanista come Melloni poteva sforzarsi di farlo) sa che la divisione è colpa di coloro che per superbia hanno disubbidito alla volontà di Gesù (fondamento su Pietro, preghiera dell'unità, remissione ecclesiastica dei peccati...). Colpevoli sono perciò, evidentemente ed esclusivamente, gli anticristiani detti protestanti. Melloni è di Reggio Emilia, città di asili senza bambini, di ponti senza fiumi, di bandiere senza patria, di cooperative senza cooperazione: prego che diventi inoltre la città dei cuculi senza nido".
("Il Foglio", martedì 4 agosto)
Category: General
Posted by: editor
(Satira) null..null..null
CARTOLINE DALLA GIUNTA BALNEARE / Dottor Jekyll & Mister Rom
null
null
null.null
null.null
null
Category: General
Posted by: editor
(Satira politica)
null
null
null
nullnullnull
->GUERRA DI POTERE (CHE STAVOLTA LOGORA CHI CE L'HA!)
Come Crono, come Ugolino: i padroni del Pd vogliono cannibalizzare anche la Fondazione e infilzare allo spiedo (per rosolarla e arrostirla... sulla graticola c'è già da un po', cioè dal giorno in cui ha scelto, pochi mesi or sono, di candidarsi alla guida di un pool di liste civiche) l'ex sindaca ed ex presidentessa, cioè la madrina del "buon governo" degli anni passati, quando il post-Pci poteva contare su consensi bulgari.

(*) Crono era il più giovane dei titani. Per evitare di perdere il potere, così come era capitato a suo padre Urano (spodestato da Crono stesso), il dio prese a divorare i piccoli figli via via che Rea li partoriva.

(**) Secondo Dante, prima di morire i figli di Ugolino lo pregarono di cibarsi delle loro carni. Nel poema, Ugolino afferma che "più che il dolor poté il digiuno": il conte, ormai impazzito, si ciba della progenie.

(***) M.i.l.f. è un acronimo tratto dal linguaggio gergale anglo-americano (slang) che indica l'espressione: Mother I'd Like to Fuck, ovvero "madre che vorrei fottermi". Donna di età non più giovanissima, ma neppure troppo avanzata, che mantiene un aspetto fisico considerato ancora sessualmente appetibile. Approssimativamente, si può definire come tale l'intervallo di età fra i 40 e i 55 anni.
Category: General
Posted by: editor
-> La curiosità /// Importante: trattasi solo di una banale coincidenza...
SCOOP! A QUANTO PARE (a meno che non si tratti di uno strano caso di omonimia...) RISULTA "INDAGATA" ANCHE LA DITTA CHE HA FORNITO GLI IMPIANTI T-RED AL COMUNE DI SCANDIANO
nullnullnull
BASTA! (UNA LEGGE DA CAMBIARE, UN SISTEMA DA STRONCARE)
"Se si scava bene e davvero, prima o poi la verità viene a galla"
null (Dal "Corriere della Sera" di oggi, 5 agosto)
IL CERCHIO SI STRINGE. "Autovelox con il trucco, 200 indagati. Sotto accusa sindaci, assessori e comandanti delle polizie municipali: truccavano multe e sistemi di rilevamento"...
-
Autovelox col trucco: più di 200 persone, tra cui molti sindaci, assessori e comandanti delle Polizie municipali, sono indagate nel Casertano nell’ambito di un’operazione condotta dal comando della compagnia dei carabinieri di Capua e della Stradale di Caserta in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.
INGENTI PROFITTI. Comuni e ditte, secondo l'accusa, avevano creato un modo «facile» per fare soldi, «ritoccando» le immagini inviate agli automobilisti. Le indagini, poi sfociate nell’emissione del decreto, hanno avuto infatti per oggetto il rilevamento delle infrazioni attraverso autovelox, photored o altri macchinari simili. Destinatari dei provvedimenti numerosi Comuni della provincia di Caserta e di società. L’indagine ha evidenziato un sistema «creato dai Comuni e dalle società che, in violazione di legge, rappresentava un modo di facile, ingiusto e rilevante profitto».
INFRAZIONI ILLECITE. Le condotte contestate riguardano le modalità di affidamento del servizio da parte dei Comuni alle ditte private, la non corretta indicazione in bilancio delle somme provento delle sanzioni, le illecite modalità di rilevazione delle infrazioni. Ed ancora, l’omessa comunicazione alle competenti autorità delle infrazioni per il decurtamento dei punti e illeciti nel trattamento dei dati personali. I reati contestati riguardano la truffa, l’abuso d’ufficio, la turbata libertà degli incanti, la falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici, il rifiuto e l’omissione di atti d’ufficio. E poi, la soppressione, la distruzione e l’occultamento di atti veri, la violazione del codice della privacy per il trattamento dei dati personali.
I SEQUESTRI. Le somme incassate dai Comuni attraverso gli autovelox col trucco sono state sequestrate come quelle ricevute dalle società coinvolte e corrisposte dai Comuni per il noleggio e i servizi relativi al rilievo delle infrazioni mediante autovelox o strumentazioni simili. Analogo provvedimento riguarda le apparecchiature stesse e la documentazione cartacea e informatica relativa al rilievo delle infrazioni.
LE DENUNCE DEGLI AUTOMOBILISTI. L'inchiesta è stata avviata nel 2005 dai carabinieri di Capua, dopo le denunce presentate da automobilisti. Ai sindaci di 33 comuni, ad altri amministratori ed ai comandanti delle polizie municipali, viene contestato, tra l’altro, di avere installato autovelox e photored senza uno studio sulla pericolosità e sull’intensità del traffico, spesso con il trucco, ovvero senza idonea segnalazione, nascosti tra gli alberi o posizionati dopo una curva e con una improvvisa variazione del limite di velocità previsto sulla stessa strada. La constatazione delle infrazioni attraverso i riscontri fotografici non veniva effettuata dai vigili urbani e, dunque, da un pubblico ufficiale ma da dipendenti delle stesse società che provvedevano anche a redigere i verbali ai quali, poi, apponevano la firma digitale di un vigile urbano.
SENZA APPALTO. A sindaci ed altri amministratori comunali di quasi tutti i 33 comuni del casertano vengono anche contestati accordi diretti con le ditte per l’installazione ed il funzionamento delle apparecchiature e non attraverso regolari bandi di gare. Al centro dell’indagine compensi alle ditte non fissi ma proporzionali all’entità della sanzione comminata all’automobilista. Poi, l’iscrizione nel bilancio comunale di somme di denaro non corrispondenti all’effettiva entità degli introiti derivanti alle sanzioni per infrazioni al codice della strada. Non era stato, poi impiegato, come prescrive la legge, il 50 per cento delle somme riscosse per il miglioramento delle strade e le opere destinate alla sicurezza stradale nei singoli comuni.
LA DENUNCIA UGL. Il segretario regionale della Campania dell’Ugl Polizia, Giuseppe Raimondi, ricorda di aver già denunciato in passato la vicenda degli autovelox col trucco scoperti in provincia di Caserta. Nel 2004 il sindacalista intraprese uno sciopero della fame per protestare contro gli «autovelox selvaggi», ottenendo così l’intervento del prefetto di Caserta. «Se si vuole fronteggiare seriamente il problema della velocità, che ogni anno provoca centinaia di morti sulle strade - dichiara Raimondi - bisogna promuovere iniziative che veramente riducano il numero delle vittime rafforzando i parametri di sicurezza delle strade. L’uso degli autovelox lungo le strade a maggior rischio di incidenti è sicuramente valido, ma non deve, nel modo più assoluto, avere finalità redditizie per i comuni o per le società private, tra l’altro non previste dal codice della strada. Installare gli autovelox nei viottoli, nei cassonetti dell’immondizia, tra le siepi che costeggiano la carreggiata confondendoli con colori scuri, dietro i pali dell’illuminazione pubblica, nelle cabine simili a quelle dell’Enel, o altro, non aiuta a prevenire gli incidenti ma ad arricchire le casse comunali e quelle delle società private».
LE DITTE SOTTO INCHIESTA. Le 13 ditte messe sotto inchiesta dalla magistratura di Santa Maria Capua Vetere sono invece la Sercom (di Bellona), la Romatek e Roma Service (di Santa Maria Capua Vetere) e poi: Seos, Citiesse, Consorzio Gives, Idea Luce srl, Garda Segnale, Gruppo Trade, Ditta All Service srl, Electra Service, Società Lta Partners srl, Dealers Group srl e Tec Service che hanno sede in altre città di altre province italiane.
nullnullnull
Category: General
Posted by: editor
nullnullnull
(Satira politica) / CARTOLINE D'AGOSTO (MAI E POI MAI SPEDITE!)
nullBUUU! VIETATO SEDERSI SULLE PANCHINE, VIETATO BAGNARSI NELLA FONTANA, VIETATO APPARTARSI LUNGO LA VIA EMILIA, VIETATO FARE L'ELEMOSINA IN STRADA... E POI?
-
Libere associazioni e dissociazioni d'idee... partorite in stato di trance...
null
Nella foto sopra, il sindaco di Reggio è ritratto mentre impartisce una robusta, rigida educazione alla nutrita famiglia (foto Reuters-Spadoni)

null.null
null.null
Vigilantes, ronde, city angels, dragonball: vietato bere, vietato fornicare

null.null
Il neo "caviar-com" Sassi, assessore agli sgomberi: "Les rules c'est moi"

null.null
Indagini (poi smentite!) sul Burani fashion-group, che in Borsa va giù...

null
Sonia Haute Couture e Mariella B. varano la collezione Autunno-'Inferno'

null.null
null
Padri vip, figli contro, famiglie numerose: la copertina de L'Unità di oggi

null.null
null
Eccolo, il Delrio-Savonarola: 400 euro di multa a chi parla con una troia

nullnull
ESCLUSIVO! Non solo Giarèda! Ecco la nuova sagra voluta da Delrio!!!
null
null
Ma nessuno fiata: ai tanti "yes-man" del Principe... premi e promozioni!

null
Un'altra recente, ispirata, spensierata e moderna, laicissima e stupenda immagine della esemplare ed eticissima famiglia patriarco-dossettiana

null
Un articolo (polemichetta leghista) uscito sulla "becerrima" stampa destrorsa... 'Sti reazionari: ma non lo sanno che i figli "so' pezz'e core"?

null
MORALE DELLA FAVOLA? I padri imbiancano, i figli crescono, le multe arrivano, le ipocrisie si sprecano... e i poveracci, cioè gli operai e i lavoratori, sempre più dimenticati o sfruttati o "sfrattati", cioè schiacciati tra i privilegi della casta e i tanti, pelosi e immorali (questi sì!) bla-bla del potere politico (nella foto, una recente manifestazione organizzata dalla "fu" Cgil reggiana)... loro la prendono sempre nel culo!

null
PEDALARE... Peggio Emilia, la città delle biciclette (sgonfie...)
Category: General
Posted by: editor
In luglio questo blog ha avuto 36.000 visite (1.200 al giorno!)
null.null
-> EH SI': REGGIO SI CONFERMA TRA LE CAPITALI ITALIANE DEI DIVIETI
nullnullnull
-> "Diete" estive: anche i nostri "salvadanai" sono sempre più magri...
null
-> Lunedì 10 agosto rientrerà anche Lisa, da circa tre mesi a New York
nullnullnullnull
null.null
null.null
nullnullnullnullnull
null
Lollo Chierici (qui doma le dune brasiliane alla guida di una moto del deserto; foto Ansa-Dakar) e 'Mirto' Bond sono rientrati sabato da Natal
Category: General
Posted by: editor
nullnullnullnullnull
null
null
null.null
null FESTA DELL'UNITA' (PD) DI VILLALUNGA
Casalgrande (Parco Secchia)
/ Programma di stasera, 1 agosto:
* Ore 21: Chiara Geloni ("Europa") intervista Pierluigi BERSANI
* Ore 22: Graziano Romani in concerto
Programma di domani sera, 2 agosto:
* Ore 21: Orchestra Nicola Laterza
* Ore 22: "Notte delle Chitarre" (suppor-band: A.N.I.A.)
Lunedì 3 agosto: giorno di chiusura.
-
null
Da oggi (e fino a domenica 16 agosto) Graziella Schenetti (nella foto sopra con Francesco Alberoni) espone le sue opere a "La Villa" di Vedriano (Canossa). Titolo della mostra: "Nel bianco impossibile".
-
null.null
Questa sera, sabato 1 agosto (ore 21.30), alla zona sportiva di Arceto (via Caraffa), grande concerto rock. A 13 anni di distanza noi lo ricordiamo così: Rufus Party and The goodle brothers boys blues band on stage for "Pistella Live". Music, beer and food. Thanks to: Parmi (Everything), Cesare (Graphic), Pinna (Sound engeener), Rufus Party and Sam, my family, the sponsors, Smiro and his The goodle brothers, my friends, Juri, Barda, Muzik Station, Claudio Bassi, Fabio and Radio Rumore, Daniela Lusetti, Circolo Amici dello Sport, Willy, Ciro, my lovely brother and all the people that will come to support us.
-
null
null.null
null