Archives

You are currently viewing archive for June 2010
Category: General
Posted by: editor
Struttura di via Melato, i "grillini" puntano il dito indice (ma forse anche il medio): "La vasca esterna, aperta solo nel periodo estivo, scarica in fogna 40 metri cubi al giorno di acqua riscaldata, clorata e trattata, con grande sperpero di denaro. Basterebbe una vaschetta di recupero".

Category: General
Posted by: editor

null

ESCLUSIVO! LE IMMAGINI-CULT DEL CANE DELLA "LAVANDAIA"

Dopo il labrador leghista di Tombari e il bracco televisivo di Trecca, ecco il video (thanks to Isa) del pastore tedesco della regina dei comitati Nadia Borghi (che il sindaco Delrio, tempo addietro, riferendosi alla di lei attività nel negozio in via Adua, ribatezzò sbrigativamente "la lavandaia")

null

(*) E' stato interrotto per l'oscurità dopo 9 ore e 54 minuti di gioco e sul 59 pari al quinto set l'incontro tra il francese Nicolas Mahut e lo statunitense John Isner, valido per il primo turno del torneo di tennis di Wimbledon. Al momento della sospensione il match - la cui durata rappresenta un record - il punteggio era in perfetta parità con due set per parte: 4-6, 6-3, 7-6 (9/7), 6-7 (3/7), 59-59. Una quinta frazione interminabile, dalle dimensioni monumentali, e non solo perchè cominciata prima delle tre di pomeriggio (ore locali) e senza un vincitore al momento dell'interruzione quando il sole era abbondantemente tramontato. Tanti i primati battuti, non solo di durata. Finora sono stati giocati complessivamente oltre 10 ore. E ancora: 163 game complessivi, 192 ace di cui 98 di Isner. Giovedì, per la terza volta, si riprenderà a giocare. "E' uno spettacolo stupendo, mi sarebbe piaciuto esserne parte", ha commentato Roger Federer in conferenza stampa.

(**) Un finale increscioso ha macchiato la sfida a Wimbledon tra il tennista romeno Victor Hanescu e il tedesco Daniel Brands. Al quinto set, sul punteggio di 6-7(7), 6-7(3), 7-6(7), 6-3, 3-0 a favore del suo rivale, Hanescu si è ritirato e ha sputato verso alcuni spettatori che lo avevano insultato. Il romeno, esasperato per aver sprecato quattro match point contro un rivale meno quotato (lui è 38mo del ranking mondiale, Brands 98mo), ha poi motivato il ritiro con un infortunio alla gamba. Per lo sputo, punito come condotta antisportiva al pari delle bestemmie e delle parolacce, rischia una multa fino a 10mila dollari.

Category: General
Posted by: editor
->Mega-festa di insediamento venerdì prossimo al Caminetto di Viano
Sms di congratulazioni anche da Ronnie Aztlan, Laura Perego e Reggio7

null.null
->Ennesimo riconoscimento per il giornalista, che subentra a Bonafini
Ieri sera il bi-direttore ha brindato coi colleghi in un risto scandianese
Category: General
Posted by: editor

null

Una proposta caleidoscopica, che coniuga tanti livelli di interesse, dal pubblico giovane, a quello sportivo, al pubblico culturale, ai bambini, a chi semplicemente ha voglia di trascorrere una serata diversa: gli appuntamenti estivi di Scandiano regalano emozioni a tutti coloro che vorranno partecipare... e continueranno davvero per tutta l’estate, con conclusione il 29 settembre prossimo.
La proposta messa in campo dal Comune di Scandiano con un centinaio di appuntamenti che vanno dal torneo sportivo, al toga party, dalla corsa sui tacchi a spillo, al concerto jazz, alle serate in Rocca, agli appuntamenti enogastronomici, alle visite guidate è di buon livello e soprattutto interessa con continuità i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Ma andiamo per ordine.
Mercoledì in Festa. Torna lo storico appuntamento dei mercoledì in centro a Scandiano: negozi aperti fino a sera tarda, proposte diversificate, musica e concerti. Per il 2010 la novità è l’intensificazione delle serate, che prevedono anche il mese di agosto per chi sceglie di non recarsi nelle zone di villeggiature e varie iniziative che si protraggono per il mese di settembre. I commercianti hanno in serbo tante soprese per chi partecipa!
La buona musica. Di assoluto livello la proposta musicale messa in campo per il 2010, per un pubblico attento e curioso attratto dalle note jazz, dalla bossa brasiliana, dalla tradizione etnica e popolare alla musica country. Non mancano alcune serate con Dj set per i più giovani, le esibizioni dei gruppi scandianesi, il piano bar. Significativi i concerti dello sperimentatore Mario Incudine (5 luglio), il jazz di Jimmy Villotti (8 luglio), l’arte musicale di Ambrogio Sparagna (24 luglio).
Letture, spettacoli, teatro: W la Rocca! Teatro dialettale, letture boiardesche, improvvisazione teatrale, comici professionisti, proposta per bambini, varia è l’offerta dislocata tra il comune capoluogo e le frazioni. La Rocca dei Boiardo per tante sere protagonista con conferenze, visite guidate, letture per bambini. Di assoluto rilievo la lettura che vede protagonista l’attrice Anna Bonaiuto (4 luglio) che interpreterà la Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso.
Gnocco, tigelle e... rock! Non può mancare la sana tradizione popolare che mette a disposizione nei circoli sul territorio serate a tema con gnocco, tigelle, salumi e la musica di qualche dj, ma anche 1 kg di lardo di Colonnata in premio al miglior gruppo musicale (25 luglio), le gare di pinnacolo, il menu a tema country (18 luglio), le bruschette e il piano bar (4 agosto).
Curiosità. Tra i vari eventi organizzati in collaborazione con i commercianti del centro storico, sono due i più curiosi. Il primo è un salto nell’antica Roma con…un toga party (21 luglio)! Le vie del centro storico si animeranno di “togati” e verranno fornite corone di alloro. Premio alla migliore mise. Del tutto inedita poi la corsa sui tacchi a spillo (28 luglio), riservata a donne e uomini lungo la lieve pendenza di Corso Vallisneri: solo le più temerarie e più coraggiosi parteciperanno a questa sfida all’ultimo stiletto!
Matteo Maria Boiardo, Nicolò dell’Abate e.. l’Eneide. Protagonista l’arte e la letteratura in Rocca con le visite guidate e letture. Apre il 30 giugno la visita tematica a Nicolò dell’Abate, si prosegue il 28 luglio con visita tematica e letture su Matteo Maria Boiardo. Chiude il poema virgiliano il 29 settembre con una visita guidata/conferenza in Rocca.

Category: General
Posted by: editor

LA MICIDIALE SATIRA "LEGHISTA" DEI MITICI SQUALLOR (BERTA)


Ecco invece il pezzo uscito ieri sul quotidiano leghista "La Padania" (*)
Due pasti due misure? Il Comune di Scandiano (RE) sospende mensa
e bus ai bimbi delle famiglie “in rosso”. Ma stavolta nessuno insorge...



-
(*) Ancora una volta le Amministrazioni locali di centrosinistra copiano la Lega. Ma, chissà perché, non vengono bersagliate di critiche e di attacchi. Prendete Scandiano, paese noto ai più per aver dato i natali a Romano Prodi. La Giunta che amministra il comune reggiano ha appena approvato una delibera che sospende in via temporanea i servizi educativi e scolastici per tutte quelle famiglie che risultano morose e che non hanno portato validi motivi per giustificare il mancato pagamento delle rette. È esattamente quello che hanno fatto nei mesi scorsi numerose Amministrazioni comunali leghiste in diverse regioni padane. Solo che lì, apriti cielo: la Lega toglie la mensa scolastica o lo scuolabus ai bimbi delle famiglie morose? E subito giù accuse all’insegna di razzisti, cattivi, ve la prendete con i più deboli eccetera. A Scandiano, invece, si può. La stampa locale registra la novità senza alcuna acrimonia, Annozero non invierà alcuna troupe e siamo sicuri che nessun “compagno” porterà il caso in Parlamento.
Ecco quindi che l’Amministrazione può annunciare in assoluta tranquillità che dal 1° settembre sospenderà i servizi mensa e trasporto pubblico per i bambini delle scuole dell’infanzia, oltre che per gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Motivo: i relativi uffici del Comune hanno appurato che diverse famiglie non hanno ancora provveduto al pagamento delle fatture inviate per la fruizione di tali servizi negli anni precedenti. Non solo: se le famiglie morose non si decideranno a pagare gli arretrati (il caso è annoverato come “definitiva mancata riscossione”) tali servizi saranno loro negati in via definitiva. Analogo trattamento subiranno le famiglie che usufruiscono dei servizi educativi comunali, nidi d’infanzia, spazi bambini, scuola dell’infanzia comunale e centri pomeridiani. Via al pugno di ferro, dunque. Con un’unica eccezione: le famiglie in comprovata difficoltà economica per le quali sono già state previste nel 2009 e nel 2010 misure straordinarie. ("La Padania", 27 giugno)

Category: General
Posted by: editor

MINIMA ANIMALIA! NON SOLO GATTI: IL PERIODICO DI MOTTI RENDE UN ADEGUATO OMAGGIO AL "FIGLIO" A QUATTRO ZAMPE DEL CONDUTTORE DI "VIVERE MEGLIO", PREMATURAMENTE SCOMPARSO 20 GIORNI FA. UN SALUTO SINCERO, SOFFERTO, COMMOSSO: "PER 10 ANNI COCCO (CON "SUO FRATELLO PAOLO" - ndr) MI HA DATO TUTTO; ERO ORGOGLIOSO DI LUI E LUI DI ME; L'HO PORTATO IN TELEVISIONE E GLI HO INSEGNATO A DIRE MAMMA E PAPA'. QUANDO VERRO' LASSU' ANCH'IO FATTI TROVARE... BACIONI, PAPA'. FABRIZIO TRECCA"

null

Category: General
Posted by: editor

70 multe in due anni (52 impugnate, 18 pagate) / Scoop: l'autista del parlamentare leghista è il mitico scandianese (oggi camionista in pensione) Francone il Baffone, padre di "Miss Reggio 1994"

null

-> MA FORSE IL PROBLEMA DI ALESSANDRI NON E'
LA VELOCITA', BENSI' LA GRAMMATICA ITALIANA!?

L'onorevole nelle ultime ore è intervenuto più di 10 (dieci) volte in un forum on-line reggiano. Si è difeso e ha chiarito il caso che lo riguarda. Tuttavia, leggendo i suoi commenti, abbiamo notato qua e là un uso un tantino "disinvolto" dI alcune regoline della forma scritta. Quindi:

1) Quando una frase finisce ci vuole il punto.

2) Prima del punto non ci vuole lo spazio.

3) Prima della virgola non ci vuole lo spazio.

4) "Sì" si scrive con la i accentata.

5) Verbo essere: "è" si scrive con l'accento grave, non con l'apostrofo.

6) "Però" si scrive con la o accentata, non con l'apostrofo.

7) "Per" si scrive per esteso, non con una ics ("x").

8) I puntini di sospensione sono tre, non quattro.

9) Tra "l'" e "dell'", laddove segua una parola che inizia con vocale, ci vuole l'apostrofo.

10) "Perché" si scrive con l'accento acuto (non grave).

11) "Po'" vuole l'apostrofo, non l'accento sulla o.

12) "Fa" non vuole l'accento (né l'apostrofo a meno che non sia un imperativo).

13) "Né" vuole l'accento acuto.

14) "Lega", laddove si indichi il nome del partito, vuole la maiuscola.

15) "Dò" (voce del verbo dare) andrebbe scritto con l'accento, anche se negli ultimi anni non è considerato errore scriverlo senza.

Category: General
Posted by: editor

-> Grande festa, ieri sera, per l'acconciatore e i suoi collaboratori
-> ESCLUSIVO! POLITICA, MONDANITA' E MESSA IN PIEGA

null
La presidente della Provincia consegna a Baldi una "targa di merito"

null
Presente all'evento anche il vice di Sonia-Bella-Provincia, al secolo Pier Saccardi (già assiduo frequentatore dell'Habanero), arrivato insieme al fido vezzanese Barbieri. Saccardi (nella foto) a un certo punto ha aiutato il suo amico Frank a tagliare la frutta e il ghiaccio da servire in tavola

null
Il sindaco di Casalgrande si è convertito alla religione di Zarathustra
->"Non ci sono parole per descrivere lo spettacolo indegno che sta offrendo la nostra nazionale. Anche l'ultimo accenno di entusiasmo
è svanito. Incredibile"
(Andrea Rossi su Facebook, dopo il 1° tempo)

Category: General
Posted by: editor
->Ancora qualche ora e potremo brindare all'eliminazione degli azzurri!
null
* LO SPORT E' BELLO PROPRIO PERCHE' UNO TIFA CHI GLI PARE E PIACE!
Category: General
Posted by: editor

->Fattore "F": ciò che la politica divide... la gnocca per fortuna unisce!
null
Pier Saccardi e Silvestro flirtano a una mostra di foto di nudi femminili

null DIECI PEZZI FACILI
Stasera a Villa Giorgia di Albinea c'è il party dei negozi associati a Zeo Baldi, patrocinato anche da Pier Saccardi, che si esibirà alla chitarra insieme agli altri due "Apicella" di Bersani, Barbieri e Cavallaro.

Domenica alle ore 17 c'è l'inaugurazione del nuovo negozio del fotografo Corrado Bertozzi, che da via Adua si trasferisce in via Makallè n. 9.

Vincenzo "Arci" Cavallarin, da bravo papà, porta spesso a spasso col passeggino, in vasca, la piccola Maya. Congratulazioni!

Il 30 giugno scade il contratto del direttore responsabile del Giornale di Reggio. Rinnovo in vista? Intanto il figlio Nicola B. e la collega Cristiana B. in queste ore sono diventati giornalisti professionisti. Complimenti!

Ghiggini, operato al menisco una decina di giorni fa, ha ripreso possesso del suo desk dopo alcuni giorni di riabilitazione a L'Eco del Mare di Tellaro, in compagnia di Zucchero Fornaciari.

Non dite a quelli di via Edison che Stefano Catellani ieri ha condotto un incontro pubblico di Assindustria in via Toschi.

Dilemma mazzonico: "Chi di spada ferisce, di Spada perisce?".

Il Foglio (ad esempio ieri, ma anche in un lungo articolo a lui dedicato il 15 maggio) continua a tenere in grande considerazione il vaticanista conciliare Alberto Melloni, definito "nuovo amico (nel senso di ritrovato - ndr) di Papa Benedetto XVI.

Sconsigliamo all'assessore Catellani la lettura del 5° capitolo ("Cultura e bellezza") dell'ultimo saggio di Bauman, "L'etica in un mondo di consumatori" (Laterza, 2010, pp. 162-192).

Anche oggi il Giornale del "nemico" Berlusconi, così come fa, sempre oggi, il Giornale di Reggio del "nemico" Motti, parla (e bene!) di un libro della principale casa editrice reggiana: trattasi dell'ultima "graphic novel" ("new italian epic"?) dell'emerito Cossiga, in testa alle classifiche. Che sia merito, nel primo caso, di Manti-de religiosa, giornalista feltriano e autore alibertiano? Che sia merito, nel secondo, del lascito culturale dei bi-autori alibertani Pergolizzi e Vignali, che come ha rivelato sabato il GdR Settimanale è uscito indenne da una causa con richiesta di risarcimento di alcuni milioni di euro per un articolo da lui scritto tempo fa per un periodico nazionale? (Viva il diritto di cronaca, di critica, di satira!)

null

Category: General
Posted by: editor

Poi ammette: "La mostra di Michelangelo Merisi a Roma? Non l'ho vista"
null

I CSI dell’arte non hanno dubbi: «Abbiamo trovato i resti mortali del Caravaggio». È la conclusione a cui è giunta la ricerca scientifica effettuata dall’Università di Bologna col supporto del Centro di Datazione e diagnostica dell’università del Salento e del Centro ricerche ambientali di Ravenna. Insomma, enigma risolto. In realtà le cose - quando c’è di mezzo un cadavere “vecchio” di 400 anni - non sono così semplici.
Tecnicamente, infatti, la conclusione suona: «Assumendo che fra i reperti scheletrici recuperati a Porto Ercole fossero presenti anche quelli del Caravaggio, combinando i risultati di tutte le prove condotte e gli indizi raccolti, la probabilità che i reperti contrassegnati con il numero 5 siano effettivamente attribuibili a Michelangelo Merisi è dell’85%». Come dire: speriamo sia lui. (Il Giornale, 17 giugno)

LA POLEMICA / UN FAMOSO STORICO DELLA LETTERATURA CRITICA
IN UN LIBRO QUESTO GENERE DI OPERAZIONI: "RIESUMAZIONI INUTILI, RECUPERI CULTURALMENTE IRRILEVANTI, COMICITA' FUNEBRE"

-
"(...) Mi ostino da tempo a denunciare, senza effetto, l'uso che viene fatto delle spoglie mortali di scrittori e di personaggi storici, riesumate e sottoposte a violazioni che pretendono di acquisire particolari dati storici (che in definitiva si rivelano sempre culturalmente irrilevanti) attraverso indagini scientifiche sostenute da sostanziosi finanziamenti... Nessun personaggio storico rilevante e venerato è ormai indenne da questo violento e irriguardoso uso che il presente fa del passato, che la miserabile tecnica dei vivi pretende di fare sui poveri resti di morti che non hanno nessuna vedova che li protegga. Un impasto grottesco e sinistro, tra follia necrofila e funebre comicità, risulta dalle notizie che ogni tanto i giornali danno delle ricerche che un "gruppo di esperti", eccitati dalla ricorrenza del quarto centenario della morte (18 luglio 1610), sta conducendo sui resti del Caravaggio (...) Una proliferazione di follie, di violazione dell'individualità di vivi e di morti, per arrivare a un sapere vuoto, all'individuazione (sempre sottoponibile a dubbi) di un feticcio...". (Giulio Ferroni, "Scritture a perdere", Laterza 2010, pp. 24-26)

Category: General
Posted by: editor

null

LO SFOTTO' //// Canzone anti-Italia spopola in Rete: 4 tedeschi ironizzano sul Mondiale azzurro. «Non abbiamo ancora digerito la sconfitta del 2006». BEN FATTO, LUNGA VITA AI 'CRUCCHI'!



«Non importa chi vince la Coppa. Basta non sia l'Italia!». È questo (in versione un po' più volgare) il refrain della canzone più in voga in questo momento in Germania. Trasmessa dalle radio è già un tormentone in rete. E un caso nei social network.
«Solo su Internet l'Italia è ancora una hit», titola la Bild. Ed in effetti il beffardo brano della band tedesca «Die vier Sterne» («Le 4 stelle») è tra i più visti su YouTube, scambiato migliaia di volte anche nei vari social network. Dopo il rap di Trapattoni, la canzone «Numero uno» dedicata dal cantante Matze Knop a Luca Toni, in Germania ora spopola «Nur Italien nicht!», un pezzo di dubbio gusto musicale sulla nazionale di Marcello Lippi. È cantato da un gruppo di comici e cabarettisti della Germania - tutti molto noti nel Paese grazie ad una trasmissione tv. «L'idea di fare questa canzone ci è venuta dopo l'1-1 nella partita d'esordio degli azzurri contro il Paraguay», spiegano i quattro membri del gruppo Dittmar Bachmann, Achim Knorr, Lutz von Rosenberg Lipinsky e Sven Hieronymus... (CONTINUA DENTRO...)

ALCOL: DON RANZA FA DA TESTIMONIAL A PIER FRANCESCO GRASSELLI
null
Venerdì al Valli: il prete stravede per le T-shirt de "L'Ultimo Cuba Libre"

null

» Read More

Category: General
Posted by: editor

VUVUZELAS FOREVER! NON SIAMO LEGHISTI MA IN TEMA DI
SOCCER STIAMO CON RADIO PADANIA. (UN'ALTRA COREA!)

null
-> Persino l'Iran (come l'umile Nuova Zelanda) saprebbe fare di meglio!

Lunedì sera abbiamo "tifato" Paraguay, via Rai, e non abbiamo problemi ad ammetterlo, anzi: il sentimento anti-retorico che da sempre connota e contraddistingue l'apolide che vive e vegeta nel soprascritto, unitamente alla deriva trash di ciò che resta di una nazione che cerca e purtroppo trova la sua valvola di "sfiga" nel totem pallonaro, va considerato il non plus "ultras" tra i vanti irrinunciabili da esibire in serate africano-mangerecce davanti alla tv, laddove i commensali fanno a gara (manco fossero loro, in campo, a giocarsela) per l'incitamento più improbabile e/o per l'insulto più gratuito alla quaterna arbitrale o al super11 avversario, immedesimandosi cuore e corpo (la testa non è richiesta né prevista, così come la sportività resta una moneta di scambio sconosciuta sul "pianeta calcio" declinato in mundialito) in un rito certamente divertente e piacevole se lo si domina in senso conviviale e autoironico (foss'anche pervaso da dinamiche cameratesce e istinti giungleschi), ma che diventa caricatura, per non dire anti-cultura, laddove il calarsi troppo nella parte o il prendersi troppo sul serio trasforma una grigliata di occhi puntati sulla zona Cesarini in una gazzarra di urla degna di una puntata dei Cesaroni. Già: lo stare dalla parte degli ultimi e non dei primi (in questo caso dei campioni dell'immondo, mica di uno stato straniero che nessun lettore della Gazzetta dello Sport sa bene dove sia) ha fatto sì che anche stavolta ci prendessimo eccome gusto e giustizia nel fare gli scongiuri ai portaband...eruola dell'idolatria tricolore, coccolati (a suon di milioni di euro di ingaggio e sponsor) da un popolo con le pezze al "culto".

null
Zar. "La prossima partita degli azzurri? La guarderò insieme a Maurinho
e ad altri amici grazie al tv al Plasmon con maxi-scherno allestito sulla splendida terrazza di via Squadroni... e poi mega-pizzata al Pegaso!"


null
CALMA E "GESSO" Per la Caselli ora Beltrami è un pensionato in "gamba"

Category: General
Posted by: editor

nullnull
La dignità della persona, le regole della convivenza civile, la potenziale deriva orwelliana del nuovo mondo tecnologico. Appello fogliante in difesa del principio liberale (e costituzionale) della riservatezza delle comunicazioni. La legge sulle intercettazioni, affidata alla dialettica politica e parlamentare, è controversa. La nostra opinione è che non debba essere offuscato o marginalizzato, nel conflitto intorno al testo della legge, il principio liberale e costituzionale della riservatezza delle comunicazioni, perno della privacy.

Gridare “intercettateci tutti”
- significa dimenticare il massacro di umanità che si è compiuto nel corso del Novecento per la pretesa del potere di interferire nelle vite degli altri, e gravemente sottovalutare la potenziale deriva orwelliana del nuovo mondo tecnologico
- significa ritenere che lo Stato possa ogni cosa, anche penetrare nei luoghi più reconditi e sacri del privato, calpestando quella dignità della persona su cui devono fondarsi leggi e regole della convivenza civile
- significa cancellare l’articolo 15 della nostra Costituzione, che sancisce il diritto alla riservatezza

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione fu considerata dai Costituenti inviolabile. Bisogna salvaguardare l’efficienza delle indagini penali contro ogni forma di criminalità e la libertà della stampa e degli altri mezzi di comunicazione di massa. Ma non c’è mobilitazione che possa svolgersi nel disprezzo di questo basilare diritto del cittadino.

Aldo Canovari, Alfredo Galasso, Alessandro Campi, Andrea Romano, Angelo Panebianco, Antonio del Giudice, Ernesto Galli Della Loggia, Francesco Cundari, Giampaolo Pansa, Giancarlo Galli, Giuseppe Initto, Luciano Lanna, Maria Conte, Mario Cervellini, Pierluigi Battista, Piero Ostellino, Raffaele La Capria, Roberta Mazzoni, Susanna Tamaro

Category: General
Posted by: editor

null
null
null

Reggio Emilia, 16 - 22 giugno 2010 (Via Sani, 9)
Guido Mattioli. Armonia (essenze femminili)
Mostra personale (oh, ci sarà anche Zarathustra)
-
Amarillo Art Gallery presenta la personale del fotografo reggiano Guido Mattioli, con un progetto dedicato al corpo femminile. Vernissage: mercoledì 16 giugno alle ore 19 (presso il direzionale Il Castello). Durante la serata: videoinstallazione, musica e poesie dedicate alla figura femminile... (CONTINUA DENTRO...)

***

-> (OGGI POMERIGGIO INSERIREMO ANCHE LE 14 DIDASCALIE)
null
E' VIETATO RIDERE A 32 DENTI SU QUESTO O SU ALTRI BLOG

null
E' OBBLIGATORIO PRENDERE A PUGNI I PRETI CHE ROMPONO

null
E' PECCATO NOMINARE IL NOME DEL SINDACO-DIO INVANO...

null
NON DESIDERARE LA MARAMOTTI D'ALTRI, NE BASTA UNA...

null.null
E' PERMESSO IL RUTTO LIBERO, MA NON IN SALA TRICOLORE

null
E' VIETATO TROVARSI D'ACCORDO COL GOVERNO CENTRALE

null
E' PERMESSO URINARE SUI DECRETI LEGGE DI BERLUSCONI

nullnull
E' VIETATO OGNI RAPPORTO ORALE IN CENTRO STORICO...
E' VIETATO MANDARE A QUEL PAESE I POLITICI DELL'EX PPI

null.null
E' OBBLIGATORIO OMAGGIARE LE COOP CON LE VUVUZELAS

nullnull
E' CONSENSITO SCOREGGIARE SOLO AL PARCO DELLE CAPRETTE
MA E' VIETATO FARSI CAGARE IN TESTA DAI PICCIONI IN PIAZZA

null
E' VIETATO PRENDERE PARTE ALLE CONFERENZE DELL'UDC

null
E' VIETATO COPULARE DURANTE LE PARTITE DELL'ITALIA

» Read More

Category: General
Posted by: editor

COLPO DI SCENA (E DI SCEMO): ALLE ORE 19 DI STASERA SIAMO TORNATI SENZA LINEA TELEFONICA, CIOE' CON LO STESSO PROBLEMA DI CONNESSIONE (FANCULO A TUTTA LA TECNOLOGIA!). SABOTAGGIO?
-
ORE 16 DI OGGI, MARTEDI' 15: UN SIMPATICISSIMO TECNICO CI HA RISOLTO IL GUAIO DA CORTO CIRCUITO. HABEMUS LINEA TELEFONICA! ZARATHUSTRA NUOVAMENTE CONNESSO DOPO 5 GIORNI DI BLACKOUT.

nullnullnull

E IN ESCLUSIVA I NUOVI CARTELLI CIVICI VOLUTI DALLA GIUNTA DELRIO
-
*SPUTTANOPOLI Garanzie vs ipocrisia Privacy violata & gogna pubblica
E INIZIEREMO LA NOSTRA CAMPAGNA DI CIVILTA' E DI VERITA' A DIFESA DELLA SACROSANTA LEGGE SUL DIRITTO ALLA PRIVACY OSTEGGIATA DAI DOPPIOPESISTI FORCAIOLI CON LICENZA DI FINTA RIVOLUZIONE...

Category: General
Posted by: editor

IL MAIALE CHE E' IN NOI: DOMANI SERA NOTTE BIANCA E RUTTOSOUND
null
"Egr. Direttore,
si è rivolto a noi un pensionato che ha acceso, alla UGF (Unipol) Banca, un modestissimo fido (2.600,00 €) in conto corrente, fido pochissimo utilizzato.
Forte è stato il suo (il nostro) sconcerto e il disappunto nel vedersi arrivare un addebito, all’inizio di maggio e con valuta 31.12.2009 (sic!), di 44,00 € con la dicitura “spese per monitoraggio andamentale fidi recupero spese vive affidamenti anno 2009”.
Alle sue rimostranze, gli è stato opposta la spiegazione: “Disposizioni della direzione generale”.
Segnaliamo pubblicamente questo perché riteniamo la UGF Banca un istituto di credito che non si sottrarrà alla possibilità di rivedere le motivazioni dell’addebito (quel cittadino ha la pensione ed un appartamento, quindi la banca è ampiamente garantita) accreditandogli la somma di 44,00 €; sarebbe una decisione che farebbe onore alla banca. Un fiducioso saluto, Mario Guidetti".

null

Category: General
Posted by: editor

"Dopo gli straordinari successi conseguiti nell'arginare la marea nera che sta sommergendo la Louisiana, al presidente Obama è stato conferito il Nobel per la Pece". (Lettera a Dagospia)

E SU FACEBOOK E' ATTIVO IL SUO FAN CLUB: GIA' 390 ISCRITTI! (Clicca!)
-> DON RANZA TORNA IN PIAZZA A 4 ANNI DALLA SUA PRIMA VOLTA!
Venerdì il mito dei giovani reggiani guiderà una protesta contro la birra
La vigilia alternativa della kermesse no-stop di sabato in centro storico

null
Ottobre 2006: il mitico parroco al raduno dei suoi fans in San Francesco

INTANTO NEGRONI (PDL) ELUCUBRA SUL TEMA NOTTE BIANCA
"Ieri il Sindaco Delrio e gli assessori Catellani e Spadoni hanno presentato la nuova edizione della Notte Bianca: come sempre i toni sono stati da vera e propria autocelebrazione, nonostante la stragrande maggioranza degli eventi sia organizzata da privati, o da volontari, e quindi il comune in sostanza abbia un mero ruolo di coordinamento. Ruolo che per altro svolge da par suo… A sentire gli esponenti della Giunta questo evento sarà imperniato su “musica, ritmo e spettacolo”, ma l’ordinanza che regolamenta le attività di quella notte – in cui i pubblici esercizi resteranno aperti sino alle 4 – afferma che “le attività musicali non potranno svolgersi oltre le ore 24.00”. Insomma dovremo sbrigarci ad assistere a tutti gli oltre cento spettacoli entro la mezzanotte… Mentre per le successive 4 ore ci sarà dato solo di poter vagare come anime in pena di bar in bar!?
Leggendo il programma degli eventi si scopre che alcuni di questi sforeranno da tale ridicolo limite orario: dal musical alla Panizzi, che finirà all’una, fino al dj set ai giardini pubblici – organizzato da ARCI - che durerà sino alle 4… Ciò che sta scritto nell’ordinanza quindi vale solo per alcuni? O servirà a poter arbitrariamente multare qualche esercente che avrà la musica accesa alla mezza, mentre in altre zone del centro si potrà liberamente ballare fino a mattina?".
(Pietro Negroni, membro del coordinamento comunale PDL)

null
«Spero che questa operazione di trasparenza serva a stanare ancora qualche massone...». Alle nove di sera il professor Luigi Berlinguer commenta «soddisfatto» il verdetto della Commissione di Garanzia del Pd, che ha temporaneamente sospeso dal partito i due ex assessori legati alla massoneria. E lancia un appello ai grembiulini democratici: «Chi è iscritto a logge massoniche venga allo scoperto, o sarà sanzionato».
La querelle che per giorni ha spaccato il partito è tutt'altro che chiusa, ma intanto sotto la presidenza dell'ex ministro la Commissione fissa regole più chiare. I massoni non sono incompatibili col Pd, a patto che la loggia non sia segreta e che l'iscritto, al momento dell'adesione al partito, consenta (fornendo le carte) di verificare che l'associazione non sia in conflitto con il Codice etico... (CONTINUA...)

null
La grande festa di sabato per il compleanno dell'Arma (Corrado Bertozzi)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

ULTIM'ORA! / EMERGENZA-CASA A REGGIO? L'ASSESSORE COMUNISTA MATTEO SASSI SPIEGA LA RICETTA DEL COMUNE: "VISTO L'ANDAZZO, CHIEDEREMO ALLOGGI AGLI AMICI PRETI DI "PROPAGANDA FIDEL"...".

null(La satira e il gossip amico!)
null


Dite a b.d. (che si tratti di una nostra vecchia conoscenza, al secolo Bruno Dallari?) che ho 38 anni e non, come ha scritto il 26 maggio sul giornale per il quale abbiamo scritto 8 anni (1994-2002), "40". Quaranta un corno! L'amico Liga può anche attribuirmi un anno in più (com'è successo due anni fa, in un bell'articolo sul calendario), ma due no, cacchio, due sono troppi, specie se a dirlo è lui, "b.d.", il maestro dei "forse, magari, pare, parrebbe, sembra, sembrerebbe". La matematica (e l'anagrafe) non sono un'opinione: se Zar. fosse nato dopo il 26 maggio - come in effetti è nato... il 17 agosto, come il Nostro sa bene - avrei 38 anni; se invece fossi nato prima del 26 maggio ne avrei già 39, essendo del 1971. Morale: come abbia fatto a ricavere il dato fasullo circa la mia età ("il 40enne") resta un mistero della scienza giornalistica e, soprattutto, della numerologia moderna.
-
La giornalista Cristiana Boni ieri sera al cinema a vedere "Sex and the city 2". Ma il suo giornale pare le vieti di recensirlo: troppo licenzioso e non proprio antiabortista...
-
Dite al Carlino che il giovane di Scandiano che ha dato il "la" al flash mob in piazza Prampolini, la settimana scorsa, è un semplice consigliere comunale (area socialisti craxiani) e non un "assessore", come invece è uscito scritto in locandina.
-
Venerdì la consigliera provinciale Francesca Carlotti era da Domeniconi, in centro, per scegliere un cd da regalare al fidanzato: alla fine ha optato per una compilation anni 80-90.
-
La giovane leghista la prossima primavera probabilmente sarà candidata sindaco di Castellarano. E peccato - carina com'è, coi capelli ultimamente tendenti al biondo - non abbia partecipato a Miss Padania 2010, la cui finalissima s'è vista ieri sera in tv... (Su Retequattro... anche se noi prima abbiamo dato un'occhiata a "Report", su Rai Tre, se non altro per sentirci un po' più impegnati)
-
Dicono che Dario Caselli stia lavorando a un sito web. Nome provvisorio: www.Reggio1440minuti.com
-
Tatiana Salsi, già Giornale di Reggio, scrive per l'Unità. Con lei anche Caliceti.
-
Max Panarari è sempre più spesso lontano da Reggio. Ma questo non gli impedisce di condurre, dopo gli indimenticati Lunedì del Mulino (Bianco), gli imperdibili Giovedì della Repubblica (delle Banane).
-
Martedì scorso il commesso libraio Antonio (All'Arco) ha festeggiato i suoi primi 40 anni con un aperitivo al "Dammelo Tu" insieme a un gruppo di quasi coetanee già viste scatenatissime in pista al Matterello e all'Habanero.
-
Sabato ci siamo fatti "Scritture a perdere", libro-chiacchierata del prof. Giulio Ferroni (Laterza, 100 paginette, 2010), esperto di letteratura italiana. Citiamo: "Scrivere di meno, scrivere meglio. Insieme a una radicale ecologia dell'ambiente fisico abbiamo sempre più bisogno di un'ecologia della comunicazione... ed è sempre più necessaria un'ecologia del libro e della letteratura, capace di operare distinzioni nell'immenso accumulo del materiale librario prodotto". A qualcuno fischiano le orecchie?

Category: General
Posted by: editor

null
null(La satira e il gossip amico!)
null
Il sindaco di Casalgrande ("Toglietemi tutto, ma non le vacanze al mare e in montagna") fa la voce grossa contro i tagli del governo, minacciando di dimettersi da sindaco. Ma poi, sul suo profilo Facebook, si chiede se per caso non abbia ragione il ministro Calderoli quando propone tagli drastici ai compensi vip.
-
Con chi parlava Matteo Bui al telefono, l'altra sera alle 22.40, mentre attraversava piazza Prampolini dopo la chiusura del giornale? Gigi Manfredi, invece, che non vedevamo da 7-8 anni, qualche ora prima passeggiava sotto i portici in via Emilia S. Pietro. Quanta nostalgia, invece, per Giardo ("Le pagine non sono di gomma") e per Zerbini (che mentre giochicchiava con le forbici mi dava carta bianca e diceva: "Vai e scatenati").
-
C'era anche il capo-allergologo del Santa Maria Nuova Giuseppe Albertini, martedì, All'Arco, alla presentazione del nuovo libro di P.F.Grasselli, "Vivere da morire", e se n'è pure fatta autografare una copia.
-
Dopo un mesetto in cui chi c'era dice di aver assistito a scene da "Lost" (i celebri "sopravvissuti" del serial-tv di cui è stata trasmessa l'ultimissima puntata l'altra sera), in redazione si è rifatta viva la donna delle pulizie. D'altronde è da parecchio tempo che l'editore si dice voglia fare "pulizia" all'interno...
-
Appassionata arringa, ieri al ristorante Il Caminetto di Viano, dove, a tavola per il battesimo di un parente, il giornalista sportivo Rai Pier Paolo Cattozzi ha urlato sacrosante verità sui politici della montagna e sulle vele di Calatrava.
-
Su la Stampa, invece, continuano a uscire (tutti i giorni) intere paginate pubblicitarie sui Teatri e su Palazzo Magnani (già: chi le paga?)
-
Lo storico mensile reggiano, Tuttoreggio, non esce da alcuni mesi.
-
Sabato si è sposata la consigliera Pdl della Prima Circoscrizione Benedetta Fiorini: cerimonia nell'antica chiesa di Montecavolo, quindi festa a Cà del Vento (zona Cà Bertacchi).
-
Nel frattempo un giornalista di Telemantova ha acquistato un appartamento a Praga.
-
Giovedì sera, al circolo tennis di Canali, s'è tenuta la festa dell'Ordine degli avvocati reggiani. Quest'anno il premio "Toga d'Oro" (50 anni o più di professione) è stato consegnato anche all'avv. Alfredo Gianolio, nostro "co-inquilino" in via Roma. Gli altri quattro a essere insigniti della speciale medaglia sono stati Carmelo Cataliotti, Giuseppe Paralupi, Andrea Barilli e Giancarlo Lombardini.
-
Venerdì sera l'avv. Domenico Noris Bucchi, che in montagna viaggia su di un gigantesco Hammer giallo, ha cenato al Canale Maestro.
-
Venerdì sera l'avv. Giulio Cesare Bonazzi (anche lui con due nomi, come il collega) ha cenato al Panacea di Piazza Fontanesi.... "tradendo" per una volta il Dimmelo Tu.
-
Via Edison: nubi dense all'orizzonte (la classica nube di Fantozzi?) su l'Informazione di Parma. Tuttavia, per la cronaca, e vista la stagione di austerity, pare che l'avv. del gruppo (che ha un solo nome... però in compenso è impegnato in politica col Pdl) venerdì non abbia cenato.
-
Carta igienica fai da te? Boccione dell'acqua a secco? Fogli riciclati per le fotocopie? Mannò, dai, a Reggio va tutto a gonfie vele... Molto gustoso, poi, lo scoop sulla terrazza vip del direttore generale del Comune capoluogo... che nessun giornale però ha ripreso.
-
A proposito: martedì sera la vice-capo Francesca Chilloni, dopo aver mandato in stampa il quotidiano, ha cenato proprio ai piedi dello storico edificio bonarettiano (la pizzeria Pegaso, gestita da uno scandianese) insieme a un'allegra comitiva composta, tra gli altri, dal consigliere provinciale Giuse Pagliani, che come il top manager comunale da 130mila euro l'anno ha una casa estiva a Marola.
-
L'appartamento di Bonaretti, bellissimo, è arredato in stile etnico-orientale. Depietri, in effetti, hanno un certo gusto nello scegliere gli arredi (eleganza e unicità dei manufatti)... Detto ciò, anche Samorì, nelle cordate lanciate sulla Bper, ha il suo stile e il suo perché.
-
A proposito: ci dicono che la redazione di Reporter s'è trasferita da via Che Guevara (laddove occupava il secondo piano del "palazzo di vetro" di cui è proprietario un industriale casalgrandese che da sempre partecipa alla Millemiglia) a via Emilia Ospizio, nella sede storica in cui si ricevono e compongono gli annunci.
-
A ri-proposito: l'imperdibile rubrica del venerdì, la più seguita dalle parti di via Turri e di via Dalmazia, vale a dire "Momenti calienti", è tornata di 6 - dicesi, sei - pagine fitte-fitte, peraltro ad alto contenuto fotografico. Sul pot-pourri di inserzioni, quindi, spicca la mezza pagina di una intellettuale della notte "attiva e passiva" (sei le sue foto, tre delle quali "bannate" in zona Cesarini con la mitica "stellina" di garanzia di qualità).
-
Quali piscine frequenta, Mauri Battini, per essere sempre così abbronzato? O magari va ancora in missione sulle montagne dell'America Latina per conto di Delrio? O magari è abbonato alle famose isole Lampados, frequentate pure dal collega Luca Fantini, aficionado del centro benessere Camelot?
-
A proposito: si dice che tra poche settimane aprirà l'atteso ristorantino del Camelot.
-
Mons. Ghirelli, invece, si allena sul tapis roulant del centro benessere Eden (Villa Cella).
-
Don Ranza venerdì tornerà in piazza della Vittoria per una nuova crociata, stavolta contro le birre della Notte Bianca a Reggio e i "burp" di Ruttosound a Reggiolo.
-
Il Foglio di sabato parla molto bene del cd di Battiato con le canzoni di Lindo Ferretti. Un solo neo: si trova in edicola nelle "snobbose" vesti di supplemento a una rivista "gggiovane" de La Repubblica.
-
Il recordman delle direzioni editoriali in Italia, al secolo il grande Bet, fedelissimo del parco Le Caprette, ha firmato per il GdR di Zambro un mirabile reportage dalle passerelle "haute couture". Dopo questa citazione, e considerata la nostra passione "salvavita" per la montagna, speriamo che ci inviti presto nella sua magione su a Villa Minozzo.
-
Oggi, 7 giugno, il blog "Reggio7" compie due mesi. (Si accettano regali!)
-
Gianfranco Parmiggiani, intanto, sempre più candidamente avviato verso l'emulazione delle imprese podistiche di Forrest Gump (prossima gara la mitica maratona di Atene, in ottobre), ha prenotato sei posti a pranzo alla Cantoria di Cerré Marabino per domenica prossima.
-
La giornalista Antonella Gualandri, che parla molto bene del nuovo ristorante aperto dai suoi colleghi Strano, Oneda e Mainini in quel di San Polo, ha invitato Zar. a far parte della giuria della tappa reggiana del concorso Miss Italia (prevista per ieri sera in via Roma). Lui ha ringraziato ma declinato... tuttavia ha molto apprezzato il ciondolo di Hello Kitty attaccato al cellulare della compagna del capo-redattore della Gazza.
-
Anche l'assessore Catellani vuole vederci chiaro sul dimezzamento del pubblico pagante del cartellone della lirica in pochi anni. Il direttore artistico Daniele Abbado (figlio di Claudio e cugino di Roberto, noti frequentatori del cartellone reggiano) sarà sottoposto al terzo grado. Che avesse ragione Agazzani?
-
Acquistato un fichissimo e professionale apparecchio digitale (da braccio, mica da polso) per la misurazione della pressione. Sabato, poi, è arrivato un nuovo divano in viale della Rocca 1. (Ancora da provare!)
-
Ieri pomeriggio siamo andati a Sassuolo (evento artistico "You made me realise": arte, foto, musica) per intervistare Bixio, cantante di Casalgrande, che poi si è esibito sui tetti insieme alle Simpatiche Canaglie. Il concerto e l'intervista finiranno in un dvd in vendita a fine estate.

Category: General
Posted by: editor

Dalla laurea agli immobili: le voci (a volte senza risposta) sul leader Idv
null
(*) MASSI', CHISSEFREGA: TANTO SABATO TORNA RUTTOSOUND

Non è vero che la stampa sia sempre cattiva con lui. Lo scorso 17 maggio Antonio Di Pietro era uscito dalla procura di Firenze dirigendosi con piglio sicuro verso piazza della Repubblica, dove troneggiava e fumava un finto reattore nucleare di cartapesta, propedeutico alla raccolta di firme dell’Italia dei valori per un referendum sul tema. Tra applausi, cori e foto ricordo con i suoi sostenitori, l’ex pubblico ministero si era definito un «teste d’accusa».
Di Pietro disse che aveva spontaneamente scelto di mettere a disposizione degli ex colleghi la sua esperienza di investigatore. I magistrati che seguono l’inchiesta sugli appalti per le Grandi Opere l’avevano convocato come persona informata sui fatti, invece, con tanto di apposito decreto di notifica. C’è differenza.
Quel giorno il dettaglio era diventato una nota a margine, le cose che contano in fondo sono altre. Un peccato veniale. Giocare con le parole, dire e non dire, abbellire la realtà, è tutto lecito. Solo che spesso Antonio Di Pietro trasforma le sue piccole furbizie in metodo. Non risponde, non del tutto almeno, oppure parla d’altro, evocando complotti e mandanti occulti. Altre volte, semplicemente, tace. E non si accorge che così facendo fa il gioco dei suoi detrattori, una legione sempre più numerosa. Vecchia storia, questa delle sparate che si mischiano a silenzi e a repliche invece puntuali. Ancora attuale, però. L’approccio mediatico rimane invariato nel corso del tempo, e non accenna a migliorare, dando così un indubbio contributo alla genesi di leggende metropolitane che riguardano anche dettagli non proprio fondamentali nella complessa biografia dell’onorevole. Ad anni alterni torna fuori, tra dubbi e ironie, il suo personale tour de force per laurearsi in Legge alla Statale di Milano. La tesi venne discussa nel 1978, il giovane Di Pietro ci arrivò sostenendo 22 esami in 32 mesi, compresi «mattoni» quali diritto privato, pubblico, amministrativo. L’istituto di presidenza della facoltà confermò a suo tempo che tutto era in regola. Ma le illazioni, falsità di vario genere, sono proseguite, nel silenzio del diretto interessato, al quale basterebbe poco per mettere a cuccia i detrattori... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

LA BOLOGNA COMMISSARIATA NEL CREPUSCOLO DEL PRODISMO
null
L'ex sindaco Roberta Mori (Pd), versione "casalinga disperata", serve ai tavoli per arrotondare il suo stipendio di neo consigliera regionale...

Vecchio professore, cosa vai cercando in quel portone? Mentre Prodi si agita sulle macerie della sinistra cercando nuove luci verdi, i suoi uomini si mettono in mostra cadendo su nuove luci rosse. Flavio Delbono, l'ex sindaco di Bologna, grande pupillo di Sacro Romano Mortadello, è stato infatti rinviato a giudizio con l'accusa di peculato e truffa: portava la sua (ormai ex) fidanzata in vacanza ai Caraibi, oltre che a Parigi, Pechino, Praga, Gerusalemme, Cancun e New York. A spese dei contribuenti, s'intende.
Che ci volete fare? Forse non sarà mai stato un sindaco molto amato, in compenso è sicuramente un sindaco molto amatore. Pensare che Flavio, con quel cognome buonista, sembrava un chierichetto, sponsorizzato da monsignor Prodi. Ed è un contrasto davvero sorprendente quello che si manifesta tra la liturgica seriosità dell'ex presidente del Consiglio e le allegre licenze dei suoi fedelissimi, tra il suo moralismo e il loro libertinaggio, il suo catechismo e le loro avventure erotiche.
Prima di Delbono, infatti, anche il portavoce di Romano, Silvio Sircana, fu beccato mentre andava a trans, al punto che dovette dimettersi, fra i frizzi e i lazzi dell'Italia intera. Ricordate? Strano destino quello dei prodiani: di giorno devono mostrare il volto da prima comunione, ma appena il principale si distrae, alè, si danno alla pazza gioia. Proprio come nella canzone di De Andrè: quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie, quella che di notte stabilisce il prezzo delle tue voglie... (CONTINUA DENTRO)...

» Read More

Category: General
Posted by: editor

null
Il direttore del blog "Reggio7" discute di editoria con Francesco Aliberti

'MARKETTING' TRA AMICI / "...Cosa fa per rompere il ripetersi dei soliti pomeriggi, fra un clic e l'altro sui mercati? Idea geniale: Convoca (sì, vabbè, dopo mille insistenze...) Paolo Guzzanti, il giornalista più divertente di tutti i tempi a casa sua e risponde a domande irriverenti anche con parolacce (solo per amici: chiedete a Paolino quale sia la vera, originale, definizione di Massimo D'Alema rilasciata e incisa su registratore digitale, pazzesca!!!)...". (Barbara Palombelli su "Il Foglio")

"Caro Direttore, ieri mattina Barbara Palombelli ha scritto sul "Foglio" una divertente considerazione sul bizzarro ruolo degli editori che, annoiati dai loro propri giornali, se vogliono esprimersi con libertà ricorrono alle penne corsare di noi giornalisti senza terra, come è accaduto per il mio "Guzzanti VS De Benedetti" (ed. Aliberti), in cui l'editore di "Repubblica" rivela in modo liberatorio quel che realmente pensa (...) Con CDB ci siamo rivisti nella sua casa di Dogliani dove gli ho portato, con l'editore Aliberti, le prime copie stampate del libro e lì, fra un sorso di Barolo e la vista struggente dei vigneti Einaudi, abbiamo entrambi espresso qualche opinione crudamente vernacolare su vari personaggi. Ma di quel che uscì dalle nostre bocche, gentile direttore, non parlerò neanche sotto tortura". (Paolo Guzzanti oggi, lettera al direttore Ferruccio De Bortoli)

null
(Satira) / LARGHE INTESE EDITORIALI. "Ma quale insipida biografia della D'Addario, ma quali sapidi libri di Guzzanti! - s'infervora il pluri-direttore Corrado Guerra -: il più prestigioso volume stampato dalla casa editrice reggiana resta "L'Italia in vacca" del giovane Caselli, che ho letto almeno cinque volte". A destra, l'assessore Catellani, amicissimo dell'editore Francesco e del direttore editoriale Di Nuzzo fin dai tempi del tabloid "Il Sicomoro", sfoglia avidamente il manufatto riccardiano.

***

BORDELLO-ITALIA (TRA SERVIZI DEVIATI E SERVIZIETTI SOLO RINVIATI!)
-> Inchieste di Bari: arrestato l'ufficiale della Gdf indagato per stalking Avrebbe perseguitato senza successo una giornalista e l'escort Terry De Nicolò per ottenere prestazioni sessuali. (Gli anti-Cavaliere nel panico)

null
(*)L'ex escort insieme alla telegiornalista reggiana Isa Trovato al mare. Il fugace incontro tra le due sarà raccontato in un instant-book di Aliberti

E ieri sera Telereggio ha riproposto il servizio della cena con la D'Addario al "Fuori Orario": tutti lì a pendere dalle labbra (piccole? grandi?) di Patty!

Il tenente colonnello della Guardia di Finanza Salvatore P. è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione barese nell'ambito dell'indagine su una serie di fughe di notizie relative ad indagini della Procura della Repubblica di Bari. L'ufficiale, trasferito da circa due settimane a Trieste, a quanto si apprende, è indagato per stalking nei confronti della escort barese Terry De Nicolò e di una giornalista nonchè per peculato e rivelazione del segreto d'ufficio. Paglino è stato in servizio nella sezione di Polizia tributaria di Bari. (CdS)

SINISTRERIE SUCCESSO PER IL LIBRO-PULP "GUZZANTI VS DE BENEDETTI"

TUTTO IN FAMIGLIA. Un giornalista "in quota" ad Aliberti (socio de Il Fatto) intervista un autore Aliberti a proposito di un "tema" sempre di moda, che piace anche alla figlia Sabina, perché tira parecchio, sul quale Aliberti ha investito editorialmente (e in immagine...) molto negli ultimi mesi: l'antiberlusconismo a oltranza, meglio ancora se 'cochon'...


Ma meno male che ogni tanto c'è Sgarbi a rompere le uova nel paniere