Archives

You are currently viewing archive for August 2010
Category: General
Posted by: editor

Breaking news! (ore 21.40) Anteprima: almeno due quotidiani domattina presenteranno il nuovo amico vip di Melissa! (Balotelli arrivederci?)
Voci di corridoio (anzi, di red carpet) parlano di un politico sui 4o anni
La stupenda modella reggiana oggi era alla mostra del cinema a Venezia

->Nuovo succulento capitolo del tormentone rosa dell'estate reggiana!

null
Sabato 28: la Masini e la Boni intervistano la Serracchiani... Meno male che sul palco non c'era la Montanari, altrimenti sarebbero volati stracci!

null
La piddina Montanari, invece, era sul palco la sera dopo, domenica 29,
a intervistare Max Panarari insieme al presidente Istoreco Carrattieri...

Da notare il supertacco della Vale e il tessuto chic dei pantaloni di Max

***

Breaking news-2 / -> Aliberti smentisce notizia uscita su "La Sicilia"
"Gentile Direttore de La Sicilia,
con riferimento all’articolo comparso sul quotidiano “La Sicilia”
di oggi, 1 settembre 2010, a firma Andrea Gagliarducci, smentisco categoricamente che sia mai intervenuta alcuna trattativa diretta
o indiretta tra la società Aliberti Editore srl con Marcello Dell’Utri,
o qualsiasi suo rappresentante, in merito alla cessione di quote
del Fatto Quotidiano
del quale sono azionista. Chiedo che questa smentita venga pubblicata con il necessario e dovuto risalto".
* Francesco Aliberti
Presidente Aliberti Editore srl e azionista de Il Fatto Quotidiano


***

null
Due testate Iren pronte ad esplodere. "Not even glamour model Iren Ferrari, pictured here with her Chihuahua 'Bentley', was enough
to rally supporters to an anti-Britain protest staged by Zhirinovksy"...


null
Il sindaco Mammi corregge i "compiti delle vacanze" del collega Delrio

Dopo le spartizioni politiche Pd-Pdl nel Cda di Iren Spa denunciate dai consiglieri regionali del Movimento5Stelle - Beppegrillo.it Giovanni Favia e Andrea Defranceschi, il Movimento va all'attacco contro i doppi incarichi con una mozione anti-casta presentata nel consiglio comunale di Reggio Emilia (che detiene l'8,37% delle azioni della società) per chiedere le dimissioni da consigliere regionale Pdl del vicepresidente di Iren Spa Luigi Giuseppe Villani. Vedremo cosa voteranno i consiglieri comunali dei partiti della casta: Pd, Pdl, Lega, Idv, Sel, Udc. Considerato che:
- con la recente fusione della società Enia Spa con la società Iride Spa è nata Iren Spa;
- Vice-Presidente del Consiglio d'Amministrazione di questa società quotata in borsa è stato nominato in quota per i Comuni della provincia di Parma Luigi Giuseppe Villani, che ricopre attualmente anche la carica di consigliere regionale e capogruppo per il Popolo delle Libertà;
- Purtroppo in Italia si assiste sempre piu' spesso ad accumuli di cariche da parte di eletti sia nelle istituzioni che in enti partecipati dalle stesse. Questo compromette il lavoro di queste persone oltre a rappresentare pericolose concentrazioni di poteri nelle mani di poche persone;
- L'importanza della carica assunta dal Villani in Iren Spa suggerirebbe per poter esercitare al meglio le sue funzioni le dimissioni da consigliere regionale;
- Il consiglio comunale di Reggio all'unanimità in data 26 luglio 2010 ha votato una mozione proposta dallo scrivente che dava mandato al Comune di Reggio in sede di assemblea di proporre un taglio degli stipendi dei manager Iren Spa;
Il consiglio comunale di Reggio Emilia invita il Comune di Reggio in quanto azionista di Iren Spa per la quota dell' 8,376% a chiedere alla società in questione ed al suo vicepresidente Luigi Giuseppe Villani di dimettersi da consigliere regionale per poter esercitare al meglio le sue funzioni ed evitare accumuli di cariche.
Matteo Olivieri (Capogruppo lista civica "Reggio5stelle")

Category: General
Posted by: editor

Come ti corco per benino la Serracchiani (corrente Frangetta&Paperine)
La rage et l'orgueil: scatto di reni dalla dirigente-consigliera

null
La Serracchiani (in gran segreto? "coalizione" da Tiffany?) a cena con Andrea Rossi... A proposito: dite al sindaco di Casalgrande di fare gli auguroni-oni-oni a Stefania G., che oggi compie 30 anni!

null
La Serracchiani scherza con Alessio Mammi. Già: cosa dirà il sindaco
di Scandiano, fan di Debora e delle sue scarpette rosse, della "lettera-sfogo" della sua grintosa (e glamourosa) addetta-stampa?


"Faccia da sfigati", tua sorella.
Io non c'ero ad ascoltare Debora Serracchiani a Festareggio sabato sera. Non c'ero perché dentro al mio partito mi trovo in sintonia con altre posizioni politiche rispetto a questo personaggio sbucato da un palco ruotante, in perenne pellegrinaggio col suo armamentario di simboli - tra frangetta, lingua pepata e paperine da eterna bambina - che ha costruito il suo idealtipo tanto amato dai giovani riformisti sulla contestazione tout court del partito che lei continua a criticare, e dal quale nel frattempo è stata scelta per fare l'eurodeputata con annessi e connessi, e scusate se è poco.
Non conosco personalmente Debora, né in modo approfondito il "Debora pensiero" e pertanto non mi permetto di formulare alcuna disamina circa le posizioni di questa quarantenne che continua ad ingrossare la sua fortuna sulla critica indifferenziata al Pd e a Berlusconi, abile a cavalcare quell'onda infarcita di sentore riformista e "gggiovane" che parla ai sentimenti della pancia civile, convinta che la beatificazione e di una figura idealtipica costruita a tavolino in questa politica sempre più fogna alla fine possa bastare ad ammansire la fame di riscossa degli elettori di centrosinistra, come se un pugno di fango buttato in bocca fosse capace di placare le fauci di Pluto.
Certo non ci vuole un politologo di fama per capire che il personaggio Debora è figlio di quel "nuovo corso" che prende prepotentemente corpo agli albori del Pd e che si era illuso di poter conquistare in massa la sinistra, poi costretto a ripiegare in una sorta di autocaricatura di sé e dei propri crismi (proverbiale tra i tanti quello interpretato da Corrado Guzzanti…), perché più affezionato agli slogan che ai contenuti, più attento alla sparata che al saper conferire mani e braccia a un partito che può soltanto contare sulle tessere, le primarie e gli elettori, che lotta contro il Golia televisivo, che è davvero vivo in poche sparute enclave come la nostra Emilia e altrove si connota allo stato brado e bisognoso di concime e torba. Sono evidenti i segni di una deriva populista a sinistra, che si fa convinta di poter sostenere personaggi in odore di novità come se tale caratteristica fosse ragione primigenia per la sicura conquista di ruoli di prestigio: bene, tutto questo non ha portato fino ad oggi molta fortuna al Pd.
E allora, fuor di morale, è chiaro che "togliersi la faccia da sfigati" è un malriuscito incitamento alla riscossa, che ancora una volta strizza l'occhio allo slogan ed è poco attento alla polpa del concetto e alle sue inevitabili conseguenze. E il linguaggio in questo centrosinistra alla perenne ricerca di una sua identità detiene un ruolo che non si liquida in una battuta, anche in buonafede.
Perché il binomio Pd-sfigato un dirigente nazionale non lo può giocare a Reggio Emilia, dove per venti giorni una piccola cittadella funziona a ritmo ininterrotto grazie ad una pletora motivatissima di volontari, dove il partito fa tessere vere e vere campagne, dove il Pd locale sta tentando non senza sforzi e frizioni un reale ricambio generazionale, e dove infine si organizza una festa politica nella quale fa capolino non soltanto gente del Pd ma l'anima della sinistra emiliana che per 20 giorni all'anno va oltre alle sofferte divisioni post '89 e li si ritrova e frigge polenta e arrostisce salsicce tra posizioni rifondaiole, suggestioni da sinistra laica e Partito Democratico, perché la socialdemocrazia a Reggio Emilia è ancora così e non si sa per quanto, e quando è ora di raccogliere voti e preferenze queste relazioni fino ad oggi sono state il terrapieno che ha saputo arginare l'onda leghista. Forse qualcuno dovrebbe darsi la pena di spiegarlo a chi viene da fuori.
Probabilmente se fossi stata sotto quella tenda, mi sarei alzata e me ne sarei andata, perché cara compagna Debora per una o uno di centrosinistra, sfigato deve essere quello che anche oggi ha messo l'Italia in ridicolo, ospitando in questo Paese il dittatore della Libia come se fosse il padreterno, che gli bacia le mani in sedi internazionali, e non i miei compagni di partito che sono da rinfrancare, e sì, certo, costa più sforzo trovare le parole per dare coraggio a questo Pd che marcare con termini coloriti una condizione percepita e sempre più maldigerita: ovvio che ci si indenfica, ma a quale prezzo e con quali conseguenze?
Perché si vince con l'orgoglio e la voglia di riscatto, con l'autocommiserazione invece si perde sempre. (Valeria Montanari)

Category: General
Posted by: editor

Breaking news! Riceviamo da un lettore del blog e pubblichiamo:
"Ieri sera Balotelli era a Reggio (alle 20). Di fianco a me, al semaforo di via Copernico, sul lungo Crostolo. A bordo c'era anche Melissa". Grazie

Incidente d'auto per SuperMario, illeso. Scontro tra la sua Audi e una Bmw: controllato all'etilometro, è risultato in regola...

null
La strana coppia. Cover-scoop di Novella 2000 di qualche mese fa...

null

Mario Balotelli è uscito illeso da un incidente stradale che si è verificato stamani a Manchester. Lo scrive il tabloid britannico Sun nella versione on line. L'attaccante del City era al volante della sua Audi AR8 quando si è scontrato con un'altra auto, una Bmw nera, secondo il racconto del giornale. Il giovane attaccante è stato sottoposto all'etilometro secondo la prassi inglese. La polizia intervenuta sul posto ha controllato i documenti di Balotelli, che sono risultati in regola. Entrambe le macchine coinvolte nell'incidente sono rimaste danneggiate e sono state portate via con il carro attrezzi. Balotelli si è poi regolarmente allenato con i compagni del Manchester City, ma secondo il Sun non partirà per la trasferta di domani a Sunderland in Premier League perchè non ha ancora recuperato dall'infortunio al ginocchio. (Corriere)

null

(...) Corona è indubbiamente simpatico, sa parlare e farsi capire, sa di essere ormai un personaggione sulla cresta dell'onda che fa vendere, e fa persino ironia su stesso. "Che progetti ho in cantiere? Oltre i furti, le rapine, le estorsioni, il riciclaggio di denaro falso, la guida senza patente, e chi più ne ha più ne metta, sto per diventare editore". E qui diventa serio per annunciare che il suo sogno più grande sta per diventare realtà. "Entro dicembre farò un mensile che richiama King, quello che inventò mio padre. Poi ho rilevato per il 50% "Star+Tv" e un'altra testata". E i soldi? "Quelli non mi mancano"... A fare il tifo per Fabrizio e cenare con lui, che scappa poco dopo aver azzannato una bresaola con rughetta, ci sono gli amici più cari, i "Corona's boys", tutti super stilosi e tatuati come lui: i fratelli Leonardo e Matteo Leporatti, che a Viterbo hanno una concessionaria di auto di lusso "Km. 85", e il bel Marco Murri, restauratore di opere d'arte. Ma l'amico del cuore, inseparabile, del bullo siciliano è Marco Carboni, figlio dello stranoto faccendiere Flavio, che arriva scortato dal costruttore Roberto Zambelli e dall'immobiliarista Pietro De Rosa, nomignalato a Milano "la sciambola imperiale". Corona abbraccia Carboni e lo presenta con tutto il suo affetto: "E' l'unico che mi è stato sempre vicino, tanto che Woodcock l'ha messo in galera con me. Ed è stato lui a pagarmi le nozze con Nina Moric". E Carboni: "Se ti risposi, ti pago anche il prossimo matrimonio. Quanto alla galera, ho fatto di tutto per non finire in cella con te: non mi avresti mai fatto chiudere occhio: quanto chiacchieri!".(Il Tempo)

null

Category: General
Posted by: editor

SVACANZATI-2 Un reggiano al timone del "partito in crociera"
Propaganda di cielo, di terra, di mare: è la politica balneare!

null
La Masini dal suo sommergibile militare 'attraccato' a palazzo Allende: "Bel colpo, Pier! Il nostro caro Pd navigherà anche in cattive acque, certo, diviso com'è in tante 'correnti' (già, che due 'marosi'...!!!); tu comunque da' retta alla nostra cara Orietta: fin che la barca va, lasciala andare..."

Varo d'eccezione, la settimana scorsa, in quel di Cattolica, per il nuovo mezzo in dote al vice-presidente della Provincia.
Al battesimo, nelle acque dell'Adriatico, anche l'ex assessore regionale Marco Barbieri, i titolari della pizzeria Paprika di Reggio (gli scandianesi Franco e Guido) e un sindaco della zona. Saccardi ha dato prova di grandi capacità nautiche, quindi è probabile che le prossime campagne elettorali del Pd in Romagna (il Pd è un vero partito di vela e di governo!) siano affidate al politico vezzanese.
La sera prima la "delegazione marittima" made in Reggio è stata invitata al compleanno di Raoul Casadei (grande amico di Barbieri) a Riccione. La nottata dell'equipaggio del "PierOne", quindi, è proseguita su e giù per i locali più fashion della Riviera (anche detti "avanzi di balera"...).

Category: General
Posted by: editor

nullnullnullnullnull
Redazione entusiasta per i primi due mesi di Mr. Interregno al timone...
Gossip estivo. Intanto martedì 31 uscirà l'atteso primo editoriale di Alle
-
La Francy non conferma (o non smentisce?) le (taglia)gole profonde che la darebbero in procinto di assumere la direzione del GdR dal 1° ottobre
-
Il direttore del GdR è volato in Thailandia per lavoro (l'on. Motti, dopo
la positiva esperienza dell'associazione 'Europa dei Diritti', sembra sia seriamente intenzionato a lanciare l'onlus 'Asia dei Doveri'), mentre la vice-direttora de "L'Informazione" - sempre per lavoro: in ballo una delicatissima inchiesta su un traffico di organi espiantati alle povere renne di Babbo Natale - ha visitato le terre di Norvegia e Finlandia...


Category: General
Posted by: editor

null
-> Nel frattempo continua la tournée estiva di Mad Max (che pare pubblichi senza troppe "crisi di coscienza" per la casa editrice di cui è proprietario il tanto vituperato Berlusconi, dividendo con lui i meritati guadagni: massì, altro che le tirate ferragostane del moralista Vito Mancuso!) alle feste del Pd: domani sera il politologo sarà a Reggio, il 5 settembre a Riccione, il 7 a Bologna e il 13 a Ravenna. Intanto Antonio Ricci, papà di Striscia, ha iscritto di diritto il reggiano - che strizza l'occhio al gossip - al prestigioso Club dei Coglioli (come ha fatto sapere il perfido Ghiggio sul GdRS). Terminate le feste dell'Unità il tour proseguirà negli stadi e nei salotti televisivi della mitica De Filippi...
-
Tra "melisse" del gossip e melasse politiche sta procedendo a gonfie vene (e varicose) FestaReggio, collaudata kermesse del Pd e soprattutto strumento indispensabile per fare cassa e quindi finanziare la struttura organizzativa e le campagne elettorali del partito…. un partito che per alcuni è ancora in incubazione, mentre per altri è già un vero e proprio incubo. Fatto sta che in fatto di realizzazioni di serate mangerecce e danzanti i post-comunisti hanno una marcia in più. Glielo riconosce anche Michele Serra, uno di loro, che più di 10 anni fa scriveva: "Conosco molte persone di sinistra. Posso dire di conoscere bene, ormai, la sinistra nel suo complesso (e nei suoi complessi… di superiorità, aggiungiamo noi - ndr). Ne penso un gran bene. Siamo, nella grande maggioranza, persone oneste. Piuttosto sobrie nella vita privata (un tempo sì, oggi invece… - ndr) e piuttosto civili nella vita pubblica. Siamo portati nella cultura, le discipline intellettuali, dotati in genere di intelligenza vivace e di acume critico, direi decisamente più riflessivi della media della popolazione italiana. Siamo impareggiabili come organizzatori di feste di piazza, come ristoratori di massa e di élite, insomma eccelliamo nel nobilissimo nonché utilissimo campo della convivialità. Non parliamo, poi, del primato a dir poco clamoroso nelle arti, le più disparate: molti di noi sono diventati eccellenti registi, ottimi cantautori, scrittori di vaglia, attori di talento, maestri della pittura. Non si contano gli artisti di sinistra che hanno avuto successo, esattamente come non si contano gli intellettuali di sinistra che godono di grande prestigio. A questo punto, c'è solo una cosa che non riesco più a capire: perché ci ostiniamo a occuparci di politica, visto che è l'unica cosa che non siamo assolutamente capaci di fare?".

null
Capelli in vacanza in Russia, tra Cremlino e Piazza Rossa: che nostalgia!

Category: General
Posted by: editor

-> MA L'INVIATO 'CORSERA' EX EPURATO VULPIO NON CI STA!
null
Eterogenesi dei Fini / Chi l'avrebbe mai detto che Travaglio ("Il Fatto") e LombarFini (il Gatto... ovvero: "uno dei quattro gatti" di Futuro&Libertà, come li ha chiamati Filippi) si sarebbero trovati sulle stesse posizioni?

DUE 'PELI' E DUE MISURE! "L’EX INVIATO DEL CORRIERE DELLA SERA CARLO VULPIO SBOTTA SUL VULNUS FINI-TULLIANI - “DOPO LA RICATTATRICE PATRIZIA D’ADDARIO (ESCORT PER SUA SCELTA) IL BUON TRAVAGLIO PROPONE CHE A DIVENTARE EROINA DELLA SINISTRA E DEL FEMMINISMO SIA ELISABETTA TULLIANI, COMPAGNA DI UN SIGNORE CHE È LA TERZA CARICA DELLO STATO, E QUINDI PERFETTAMENTE RIENTRANTE IN QUELLA NOZIONE DI “PERSONAGGIO PUBBLICO” CONSOLIDATA DA UNA COPIOSA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE - “TRAVAGLIO INVOCA UNA PRIVACY CHE A TUTTI GLI ALTRI PERSONAGGI PUBBLICI I MASS MEDIA (GIUSTAMENTE) NON RICONOSCONO E DI CUI PROPRIO LUI NON HA MAI TENUTO CONTO” - "ANCORA UNA VOLTA VOGLIAMO 'FARE GLI AMERICANI' CON LA LIBERTÀ DI STAMPA, SOLO QUANDO CI CONVIENE. SECONDO UNO SFACCIATO DOPPIOPESISMO CHE PRIMA O POI CI SEPPELLIRÀ TUTTI, COLPEVOLI E INNOCENTI, BELLI E BRUTTI, MIGNOTTE E NON"-Lettera a Dagospia
-
Dopo Patrizia D'Addario, il buon Travaglio propone che a diventare eroina della sinistra e del femminismo sia Elisabetta Tulliani. A me, questo pare una solenne stupidaggine.
La D'Addario - escort per sua scelta, nessuno le ha imposto nulla - si è comportata da ricattatrice pur di raggiungere i suoi obiettivi (per giunta di molto dubbia legittimità, come il cambio di destinazione di un edificio già condonato in un'area vincolata).
Per la signora (e per l'interminabile corteo di donne pronte a tutto pur di scalare posizioni di denaro e potere senza saper far nulla) vale ciò che sostiene Massimo Fini nel suo "Dizionario erotico": è il principio del "Fica power" il motore primo, altro che la versione angelicata della donna-oggetto costretta a subire l'odioso ricatto di natura sessuale (che esiste, certo, ma riguarda le molte donne lavoratrici "oscurate" dai mass media, non le escort o le mignotte in carriera)... (CONTINUA DENTRO...)

null

TRA(al)VAGLIO(degli inquirenti) IN DIFESA DELLA TULLIANI! DOPO AVER STESO UN 'PELO' PIETOSO SUI MISTERIOSI AFFARUCCI IMMOBILIARI E TELEVISIVI DELLA FAMIGLIA, RESETTIZZATO DALLA MEMORIA ARTICOLI SULLA CARFAGNA E PAPI-GIRLS, IL PRODE MARCO PIAGNUCOLA SU ELISABETTA "MASSACRATA DA GIORNALI E RIVISTE DI GOSSIP", REA DI UN SOLO DIFETTO: "ESSERE LA FIDANZATA DI FINI, CHE A SUA VOLTA
HA IL GRAVE DIFETTO DI DISSENTIRE DA BERLUSCONI"
-Titolo Dagospia
-
Per motivi anagrafici, non ho mai nutrito particolare interesse per il femminismo: quando quel movimento politico e culturale viveva i suoi anni ruggenti, ero troppo giovane per interessarmene. Ma tutto potevo immaginare tranne che un giorno la difesa della dignità delle donne sarebbe arrivata più da destra che da sinistra.
L'estate scorsa fu la studiosa Sofia Ventura, sul sito della fondazione Farefuturo vicina al presidente della Camera Gianfranco Fini, a denunciare l'immondo "velinismo" che caratterizzava la selezione della classe dirigente femminile nel Popolo della Libertà, quando le liste per le elezioni europee e amministrative si riempirono di soubrettes, comparse di reality e favorite del Sultano... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

* CHI E' SENZA PECCATO (O EDITORE) SCAGLI LA PRIMA PIETRA

QUESTIONE CORALE-2 Non sanno più a che (vin)santo votarsi!
"La nuova campagna contro Silvio? Ipocrisia. Dietro al "caso (caos - ndr) di coscienza" il solito obiettivo: screditare l'edito-concorrente e colpire il politico. C'è un solo campo dove l'autore va giudicato: la sua opera..."

null

"Alla fine spuntò il "Cretino Militante" e scrisse: non compro più libri della Mondadori nel nome della legalità e in odio a Berlusconi. Povero cretino che ti reputi dotato di coscienza superiore, non sai cosa ti perdi. Ti perdi il catalogo della cultura, non solo italiana e non solo contemporanea. Ti perdi i Classici, i Meridiani, gli Oscar, i principali autori. Per fare un dispetto all’editore ti voti all’Ignoranza. Ma come sempre accade, il cretino è il prodotto terminale di una lunga operazione intellettuale e politica. In principio fu Vito Mancuso. Lo stimato teologo, anziché porsi un problema di coscienza con i lettori per aver firmato un libro con pagine copiate, ad opera del coautore, della sua stessa scuderia di Repubblica (e non è il solo autore de la Repubblica ad aver plagiato), si pone il problema morale di scrivere per la Mondadori che secondo il Verbo del suo quotidiano, non sarebbe in ordine col fisco e con la legge.
Autore della Mondadori sono anch’io, dopo una vita libertina e poligama tra editori vari, reduce da un felice ménage con Laterza che la sinistra continua a rimproverare all’editore (l’ultimo è Nicola Tranfaglia che in un libro rinfaccia a Laterza di aver pubblicato me che son di destra). Ma un autore risponde del suo libro e non dei libri contabili dell’azienda per cui scrive: ognuno risponde di quel che fa lui, soprattutto se svolge un’attività solitaria come quella di scrittore... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

-> Lui, il manager coop, si difende: «Vasco non ha nulla da temere. Sono attacchi politici pretestuosi, nessun illecito».

nullnullnullnullnull

- Signor G. Errani, sembra che la vicenda di Terremerse e della costruzione di uno stabilimento vinicolo finanziato dalla Regione sia diventata una cosa seria. Le ipotesi della Procura tracciano uno scenario di illeciti e irregolarità. Lei risulta indagato per quel finanziamento regionale e non è il solo.
«Me lo sta dicendo lei, non ne so nulla e non ho ricevuto comunicazioni in merito. Certo, so che la Finanza ha condotto un’indagine e noi gli abbiamo fornito tutta la documentazione necessaria. Ora contatterò il mio legale, chiariremo la nostra posizione».
- Le vostre carte per il momento non hanno convinto chi indaga sulla regolarità dell’operazione. Anzi, la Procura ipotizza che abbiate fatto carte false pur di incassare quel milione di euro. Cosa risponde?
«Che le cose stanno diversamente e gli approfondimenti della magistratura lo dimostreranno. La cooperativa Terremerse ha agito nel rispetto delle regole, senza trucchi e nella massima trasparenza. Ci vorrà del tempo ma alla fine ne verremo fuori, su questo sono molto tranquillo»... (CONTINUA DENTRO...)

***

L'ipotesi è di truffa aggravata. L'inchiesta su un finanziamento regionale di un milione per Terremerse presieduta allora da G. Errani. Atto dovuto?

nullnullnull

G. Errani, fratello del presidente della Regione Vasco Errani, è indagato nell’ambito dell'inchiesta della Procura di Bologna sulla cooperativa agricola Terremerse di Bagnacavallo (Ravenna), da lui presieduta fino al gennaio scorso. L'inchiesta è nata dopo che un articolo del quotidiano Il Giornale (toh, ancora lui - ndr), lo scorso ottobre, aveva ipotizzato abusi e irregolarità nella concessione, nel 2005, da parte della Regione di un finanziamento da un milione di euro per la costruzione di un nuovo stabilimento vinicolo a Imola. A quanto si è appreso, il pm Antonella Scandellari ipotizzerebbe reati che vanno dalla truffa aggravata (perché in danno di un ente pubblico), per Giovanni Errani, all’abuso d’ufficio a carico di alcuni funzionari regionali che si occuparono dell’iter procedurale che sbloccò il finanziamento (fondi comunitari erogati dalla Regione)... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

-> Intesa indica l'ex presidente per il consiglio del colosso multiutility!
null
A quando un altro concerto come quello di Ferragosto? Bellissima serata live, domenica scorsa, in piazza Fontanesi. Sul palco una formazione jazz-fusion d'eccezione, guidata da uno dei più grandi batteristi del mondo, Manu Katché (nella foto con la moglie). Un esempio di come si possano organizzare eventi culturali di alto livello (per tutti, con accesso gratuito) lasciando da parte la retorica francamente un po' trash di certune rassegne estive (che si fanno scudo di titoli ridondanti, arrivando a mischiare nomi buoni in tutte le salse e per tutte le stagioni) e soprattutto rinunciando a farsi belli con superflue direzioni artistiche. In tal senso facciamo nostra, declinandola in culturame spiccio, la proposta-provocazione di Guidetti: ci candidiamo, cioè, fin da ora, a pensare i contenuti e i materiali di una prossima rassegna estiva, meglio ancora se irrazional-popolare, magari con meno pompe (magne) e più polpe (sempre magne, magnissime)... e ovviamente - proprio come farebbe l'amico socialista di cui sotto - senza chiedere alcunché al Comune, fedeli al nostro risaputo e collaudato pionerismo nel campo della wikinomics (fatte salve, va da sé, le spese vive per l'allestimento e la gestione degli spettacoli). Che ne dite: l'accendiamo? Detto ciò, a Mimmo ri-chiediamo (e suggeriamo): perché, il prossimo anno, non invitare per tempo (dai, mettetevi avanti) il trio di Keith Jarrett, che da qualche anno a questa parte in luglio è solito fare un paio di date in Italia, com'è recentemente successo a Ravenna e Bergamo (e l'anno scorso a Firenze e Mantova)? Tale scelta piacerebbe anche a Negri, visto che Jarrett è anche un ottimo clavicembalista (eh già, ha inciso parecchio Bach... perché non organizzare una performance dal titolo "Pasolini plays Jarrett", con letture a cura di Parenti e Raspini?). Pensateci...

null

COLPI DI 'SOLA' / ANCHE GUIDETTI VUOLE UN POSTO NEL CDA
"Mi candido per il Cda d'aziende della galassia Iren o una SOT"
-
"Egr. Sig. Sindaco,
leggo che dopo la fusione Enia-Iride ha indicato il nominativo di Andrea Viero il quale verrà confermato amministratore delegato e direttore generale. Ai tanti manager reggiani di comprovata, cristallina professionalità e noi fra questi non abbiamo timore di smentita nell’indicare Uris Cantarelli, Ivan Strozzi e Walter Ganapini, è stato preferito un bocconiano manager friulano. Non importa se questo è stato più volte (strumentalmente?!) soggetto dell’attenzione dei media e della politica... Indicazione improvvida? No. Lei, Sig. Sindaco, come noi è fautore dei principi garantisti in base ai quali “l’imputato è innocente fino alla conclusione di tutti i gradi di giudizio”, ergo, visti i tempi canonici della giustizia, “innocente per sempre”.
Già che ci sono la metto a conoscenza di una geopolitica preveggenza: il futuro ingresso fra i soci di Iren della Gazprom, che non sarebbe male. Archiviata quindi l’indicazione per il Cda di Iren, ora via con le indicazioni nella galassia delle aziende Iren e nelle SOT. In tal senso, il sottoscritto che:
- È stato consigliere della ex Circoscrizione III dal 1985 al 2009, ricoprendo anche il ruolo di presidente dal 1995 al 1999;
- Ha avuto l’onore di servire il proprio paese, nel periodo 2005-2006, come Consigliere per gli affari politici ed economici al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. L’onore è stato ancor più grande in quanto per tale incarico non ha riscosso compenso alcuno e asceticamente alloggiava dalle Orsoline;
- Ha aderito con convinzione alla sottoscrizione di azioni Enìa;
- Ha frequentato con profitto un bocconiano corso di marketing strategico operativo;
- Dicono di lui che sia persona seria, riflessiva, credibile, equilibrata, che in lui prevalga il buon senso e che sia “uomo di pace”.
Tutto ciò premesso, il sottoscritto avanza la sua candidatura per un ruolo nel Cda di aziende della galassia Iren o nelle SOT. Nell’eventualità che tale disponibilità trovasse positivo accoglimento, rinuncia fin d’ora a ogni compenso e qualora questo non fosse possibile, causa rispetto delle regole del mercato, si impegnerebbe ad elargirlo in opere solidaristiche. Con stima, un cordiale saluto, Mario Guidetti"
.

Il ritorno di Enrico rafforza il ruolo di Torino nel consiglio d’amministrazione di Iren». Enrico non è altri che Enrico Salza, l’ex presidente del Consiglio di gestione Intesa-Sanpaolo, che proprio il sindaco, insieme al presidente della Compagnia di San Paolo, Angelo Benessia, ha contribuito a giubilare da quell’incarico. Difficile capire adesso se l’augurio del sindaco diventerà realtà perché Salza entra nel consiglio di amministrazione di Iren, la multiutility nata dalla fusione di Iride (Torino e Genova) ed Enìa, come consigliere indipendente indicato dai vertici della banca... (CONTINUA DENTRO...)

null

» Read More

Category: General
Posted by: editor
null

Regali ricevuti
regali ricavati

regali ritrovati
regali riciclati

regali anche frugali
regali e regalìe...

*

Regali rilegati
regali delegati

regali ritornati
regali riparati

regali anche taciuti
regali mai piaciuti...

*

Regali preparati
regali prepagati:

regolina di quest'anno,
regali regalati.


(Zar.-CAP / 17 agosto 2010) * "Le Thérapeute", René Magritte

Category: General
Posted by: editor

-> Del Bue (FarePassato) punta il dito contro Fini: "FareFuturo? Troppo moderni". Poi, coerentemente, organizza un convegno su Sandro Pertini

null
L'on. assessore: "FestaReggio? Meglio la festa socialista di Cavriago; vi aspetto là l'ultimo weekend di agosto e il primo weekend di settembre"

-> La kermesse di partito inizierà giovedì e durerà fino al 12 settembre
null

null
* Intanto l'epurato Lusetti si fa ritrarre in maglietta verde insieme a due "abbondanti" fans ad Alassio, alla corte di Re Umberto: "Resto leghista"

null
E su FB scrive: "Dalla cena all'alba con il Capo: notte indimenticabile...!"

null
MOVIDAAA! Da Bossi ad Alassio: c'è anche l'amica-militante riccioluta
con cui festeggiò al Mamma Orsa (discoteca di Formigine) il 5/4/2009!

Category: General
Posted by: editor

* Stefania S., unica reggiana d'un viaggio di Avventure nel Mondo, era in volo per New Delhi e doveva raggiungere il "piccolo Tibet". Poi il cambio di programma dovuto alla calamità che ha colpito la regione del Kashmir

null
"In Ladakh si gira solo col somaro... Ah, che montagne: le conosco bene perché anni fa il partito voleva che mi candidassi sindaco anche là... che storia!". Parola di Carlo Fornili (nella foto... asinina), sindaco di Casina...

WIKIZAR. La regione del Ladakh, una zona tra i 5 e i 6mila metri slm,
è racchiusa tra le catene montuose del Karakorum e dell'Himalaya.
La popolazione (232mila abitanti) è composta per metà da buddisti, quindi da musulmani sciiti e da una piccola minoranza di induisti.


null
Dite agli aficionados "pranzisti" de L'Informazione di fare gli auguri al collega sportivo Franco Tosi, che oggi compie 59 anni. Diteglielo, ok?

Category: General
Posted by: editor

Fermi tutti! Ma quale Balotelli Day... ebbene sì, oggi è il compleanno di Mimmo Spadoni, il Cassano della politica reggiana: l'assessore vip più volte convocato da Prandelli-Delrio (e purtroppo messo in panchina da un centrodestra simpatico come Mourinho) spegne 49 candeline (29 in più del bomber nerazzurro). "La politica è come il calcio - ha spiegato uno stranamente prolisso Spadoni ai suoi tanti fans, oggi, radunati al Mirabello -: bisogna fare attenzione ai 'falli' da dietro... e comunque,
per vincere, l'importante è metterlo dentro
... il pallone, ovvio". (Auguri!)


null
Lui gioca nell'Inter, lei tifa Milan: come sarà il derby d'amore?

null
Melissa e SuperMario paparazzati ieri sera a Milano Marittima in centro

REALITY-MEL.-3 / ULTIM'ORA. Ieri sera la coppia dell'estate, dopo un aperitivo vip in centro, ha cenato a base di pesce al Kalumet, lussuoso ristorante di Milano Marittima. Zarathustra, invece, a Mi. Ma. ci ha cenato la sera prima (martedì): stavolta alla Baya e soprattutto senza bolidi parcheggiati fuori (ma sempre a base di pesce, per la precisione spaghetti alle vongole e cozze gratinate... roba decisamente più plebea, con la Fiat Bravo di Robby lasciata a un km. Spesa popular: 30 euro).

null
Cena romantica. Il localino sul mare (sul molo) scelto da Mario e Mel.

REALITY-MEL.-2 / Calciatori e veline, sport e cronaca rosa: il gossip del giorno e le foto della giovane di Rivalta sono rimbalzati sulla stampa nazionale (dall'Ansa al TgCom, da internet alle radio). Nel giorno delle stelle cadenti è nata una stella "salente": per lei un meritato futuro in Tv

-> CHE REGALO FARA' OGGI MELISSA AL 20ENNE SUPERMARIO?
null
->Riviera, Sardegna, Caraibi: davvero un'estate con valigia per Melissa
Una delle 223 foto della primaverile vacanza della giovane (insieme alla madre) in un incantevole beach-club di Santo Domingo (da Facebook)

Qual è il modo migliore per festeggiare i vent'anni e il debutto in Nazionale? Mario Balotelli non ha dubbi: con una miss. Così ieri l'attaccante azzurro, reduce dalla spedizione londinese con Prandelli, è stato visto a Reggio Emilia a spasso con Miss Reggio 2009, la diciannovenne Melissa Castagnoli, bionda studentessa con fisico da top model.
Balotelli è andato a prendere l'amica a Rivalta, dove la bella miss vive con i genitori, al volante di un'Audi R8 nera con i vetri oscurati sulla quale è salita Melissa. Un'altra ragazza si è accomodata sulla Bentley di un amico del calciatore. Un viaggio in direzione centro della città per una passeggiata e un gelato e dopo un'ora il ritorno a Rivalta. Tanti lo hanno riconosciuto, sorpresi, e lo hanno avvicinato; da parte di Balotelli sorrisi, ma nessuna confidenza.
Dove e quando si sono conosciuti Mario e Melissa? Inutile chiederlo alla mamma della miss: "Non parlo, bocca cucita, altrimenti mia figlia si arrabbia", ha risposto ai cronisti. Ma i due potrebbero festeggiare insieme anche questa sera in un locale di Reggio. La cosa si fa seria... Due anni fa, ha ricordato il Resto del Carlino, Melissa Castagnoli fu vittima di un'aggressione in discoteca da parte di una coetanea, che - gelosa della sua bellezza - la colpì a calci e pugni procurandole una leggera frattura al setto nasale. Mario potrebbe essere la persona più adatta a proteggerla. Anche da Manchester? (Gazzetta dello Sport)

null
-> Balotelli (con bolide) a Rivalta, davanti all'abitazione della sua bella

Category: General
Posted by: editor

nullnull
Due splendide immagini della fotonica e sportivissima Melissa (oggi 19enne e neo-diplomata, "Miss Reggio 2009"), pubblicate su questo blog il 24 giugno 2009. La modella di Rivalta su FB ha 4.540 amici...

null
-> (...) Sei mai stata con un calciatore?
"No, mai stata... ma in futuro chissà... Anche se a dire il vero non stravedo per loro, specie nel ruolo di fidanzati... meglio starci alla larga, perché a mio avviso sono un po' troppo farfalloni"
("Trend", 21 giugno 2009)

-> DI SEGUITO, LA PRIMA (E LA PIU' COMPLETA) INTERVISTA A MELISSA

Scusa, ma sono senza parole: sei stupenda, meglio di un Apollo greco, meglio di un Atollo del Pacifico...
"Grazie".
Ah, sono anche senza prole, e di questi tempi è una fortuna: la vita costa tantissimo... Continua, ti prego: parla tu, che io intanto mi ripiglio dall'estasi (se d'estate un esteta...)...
Ok, tranquillo. Mi chiamo Melissa, ho 18 anni (compiuti il 29 aprile), abito a Rivalta e dopo l'estate inizierò l'ultimo anno di Ragioneria all'Itas “Tricolore”.
Cosa ti hanno regalato per il tuo compleanno?
Tante cose... Ad esempio un nuovo computer, di colore rosa.
“I regali sono continui”, aggiunge sorridendo la madre, presente all'intervista.
Signora, siamo convinti che sua figlia li meriti tutti... Di più: tra un po' m'impacchetto anch'io, e con un bel fiocco in testa.
“Mah, se lo dite voi...”.
E il prossimo 'cadeau'?
Adesso che sono maggiorenne posso guidare... così i miei genitori mi hanno promesso di prendermi la macchina.
Quale?
Una bella Cinquecento Cabrio, ultimo modello... rigorosamente rosa, il mio colore preferito... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

Il consigliere comunale (5Stelle) è incazzato come una vipera: "Querelo!"
"Gira voce che mia moglie sia parente del direttore finanziario di Burani"
Il manager e il brother della consorte si chiamano entrambi Beppe Gullo

null

PARTE LESA O LESA MAESTA'? E ALLORA? SI TRATTA DI UN BANALE
(MA SPIACEVOLE) CASO DI OMONIMIA, PER CUI NON SERVONO MINACCE URLATE O INVITI ALLA DELAZIONE, MA SOLO UNA NOTA (PACATA) AI GIORNALI E, SEMMAI, UNA DIFFIDA A CHIUNQUE AGISSE IN MALAFEDE


null
* Matteo Olivieri: "Mio cognato NON è un MAGO della finanza, chiaro!?"
"Prendetevela pure col cognato di Fini ma lasciate stare la mia famiglia"

-
"Con la presente (una nota a mezzo Facebook - ndr) si inoltra alla comunità, con preghiera di diffusione, un avviso per tutelare la mia persona, e non solo, da voci costruite ad arte e diffuse con sapiente passaparola, i cui segni organizzativi fanno emergere diversi dubbi sulla fonte. La voce, che sta girando in alcuni ambienti aziendali e in alcune zone della provincia di Reggio già ben identificate, oltrechè in alcuni ambienti per così dire non popolari, riguarda una presunta parentela tra la mia consorte, che di cognome fa Gullo, con Giuseppe Gullo, ex vice presidente esecutivo e direttore finanziario di Burani Designer Holding, e già direttore finanziario di MB Fashion Group, travolto dai recenti fatti del crack (crac - ndr... giacché non risulta che Gullo sia stato beccato a fumare sostanze psicotrope...) di MBFG.
Premettiamo che, chiunque venga a contatto con questa voce, per bocca di chiunque sia, anche amici, è pregato si segnalarlo a reggio5stelle@gmail.com, firmandosi nome e cognome, con la preghiera di testimoniare ad un eventuale procedimento giudiziario, o solamente per poter ricostruire la traccia della corrente diffamatoria, e risalire ai veri responsabili (avendo informazioni non è così difficile). E' molto importante!... (CONTINUA DENTRO...)

null
-> Il consigliere Olivieri insieme a Beppe Gull..., pardon, Beppe Grillo...

» Read More

Category: General
Posted by: editor

Accorata (di più: accalorata) lettera aperta di Pagliani al suo ex capo Fini
null

Ho atteso circa dieci giorni dallo strappo tra Berlusconi e Fini prima di intervenire sulla rottura consumata nel Pdl, pur essendo da anni convintamente schierato sul fronte berlusconiano degli ex An. Quel che ho visto e sentito in questi giorni però ha fatto tracimare il vaso della sopportazione: Gianfranco Fini che dalla debacle dell’elefantino di Mario Segni alle elezioni europee del 1999 e successivamente alla morte di Pinuccio Tatarella non ha mai indovinato una scelta politica se non quella di restare fedele alleato di Berlusconi si presenta oggi come uno dei tanti “parolai” che da destra combattiamo da sempre.
La mia militanza nelle file dei giovani dell’Msi Dn è datata giugno 1989, dovevo compiere il mese dopo 16 anni, e da li ho sempre creduto in un’idea nazionale di destra moderna seguendo le direttive dell’erede di Giorgio Almirante, partecipando attivamente nella scuola (Superiore e all’Università di Giurisprudenza a Modena) e nelle campagne elettorali alla crescita del nostro movimento-partito, divenuto nel frattempo Alleanza Nazionale. In quegli anni i giovani che si iscrivevano e che militavano con noi crescevano anche in terra reggiana e nel comprensorio delle ceramiche di anno in anno facendo nascere un’alternativa di eccezionale valore politico anche in questa terra “rossa” intrisa di interessi e di potere cooperativo – amministrativo e politico della sinistra... (CONTINUA DENTRO...)

null

» Read More

Category: General
Posted by: editor

->CARO ANDREA, NOI QUANDO CI INVITI? (Che abitiamo pure in zona!)
null

FLIRT FERRAGOSTANI. In poche ore il primo cittadino del paese
ceramico (nonché primo referente della kermesse al Parco Secchia di Villalunga, noto umanista di stampo volterriano) ha cooptato due redattori del GdR per svolgere uno straordinario serale non pagato: la Codeluppi l'altra sera ha intervistato il sindaco Delrio e cenato con gli scandianesi Battini e Nasciuti al ristorante del pesce, mentre Della Porta tra poche ore gestirà un dibattito (in realtà sono monologhi, dal momento che manca un "contraddittorio") sulla protezione civile che prenderà le mosse dalla presentazione di un livre noir sulla stessa.


null
Pd. Cara Sara, quand'è che ci telefoni e proponi una serata anche a noi?

null

***

Ma se continua a piovere come faremo a risalire la montagna in scooter?
null
(*)Festa spagnolo-tanghera ieri sera all'Eden di Villa Cella (foto Casotti)

null

null

Category: General
Posted by: editor

null
null
-> D-Ildo e Don Giovanni festeggiano i 50 anni della gestione Nasi...

null
Gobbi e Spadoni osservano Battini, pizzicato mentre armeggia con la zip Sullo sfondo il fratello di Pier Grasselli aspetta invano l'arrivo di Caliceti

null
Da Tondelli agli e-book... Il direttore di Reggio24Ore e il titolare di Reggio Ridens (già webmonster di Reggio7) hanno convinto Nino Nasi a comprarsi l'iPad, iscriversi a Facebook e aprire un blog (photo Spadoni)

***

E PER IL CRITICO CORTELLESSA (CHE NE HA SCRITTO TRE GIORNI FA SUL DOMENICALE DEL SOLE24ORE), IL MAGGIOR POETA DELLA GENERAZIONE NATA NEGLI ANNI 70 E' UN GIOVANE DI SCANDIANO! (Complimenti!!!)
-
"...Il mio preferito è però il più giovane: Gian Maria Annovi, emiliano del '78 (un arcetano doc, figlio di uno grande ex vicesindaco del comune boiardesco e fratello della nostra amica e collaboratrice Gloria - ndr)
che lavora negli Usa (quanti «cervelli in fuga»!). Appena uscita da Transeuropa è la splendida plaquette 'Kamikaze (e altre persone)', che fa incontrare una lingua di aguzza eleganza coi traumi più deflagranti del nostro tempo" (Andrea Cortellessa, Il Sole24Ore)

null
Il performer Stefano Raspini legge alcuni brani del pamphlet sul gruppo Burani passeggiando sotto le finestre del Resto del Carlino in via Crispi

null
nullnull
A ds., la copertina del nuovo romanzo di Renato Ceres, "Istriana Blues"

null
I premi Pulitzer Paul Pergolizzi (che mostra l'anello al dito, orgoglioso di essersi ammogliato: un vero r-accordo anulare!) e Steve Campani (che ha già prenotato un'adeguata presentazione del volume - con degustazione delle migliori carni cigariniche - al ristorante "La Francescana") indagando tra le carte del crac Burani hanno ricavato un libro in vendita da oggi a 10 euro ovunque e a 20 euro da Nino Nasi (perché in abbinamento obbligatorio al Vernacoliere, Re Nudo e "Cazzi e canguri", sfortunato romanzo di Aldo Busi di cui, giustamente, va assolutamente smaltita la resa - per salvarla dal macero). Nella foto (Ansa-Gallinari-Franceschini-Paroli), la "vernice" del precedente instinct-book dell'ex redattore del GdR: dedicato alle nuove BR e presentato in tandem col suo attuale direttore Nitrosi, l'inchiesta pergolizza s'è aggiudicata il Premio Boorea-Cgil 2008 per l'opera prima uscita per seconda.

Cuochi d'artificio. Dedicato al Ciga e al Campa, fans di Massimo Bottura


Si è svolta questa mattina presso la Camera del Lavoro Territoriale di Reggio Emilia la conferenza stampa di presentazione del volume “Mariella Burani Fashion Group – Storia di un crac”, scritto da Paolo Pergolizzi e da Stefano Campani ed edito da Ediesse.
Si tratta di una dettagliata ricostruzione delle vicende che hanno portato al fallimento di un gruppo importante ed articolato, diversificato non solo sulla moda, con una analisi su quali possono essere i segnali premonitori, nel bilancio di una azienda, di una gestione problematica che può portare nel tempo ad esiti molto negativi. E quanto la gestione fosse problematica lo dice l'ordinanza di arresto della magistratura milanese del 28 luglio 2010: “Giovanni e Walter Burani, con la complicità degli altri indagati, manager e soggetti terzi, hanno perseguito con continuità il disegno criminale di trarre in inganno risparmiatori e creditori, nonché le autorità di controllo dei mercati“. Si tratta anche della testimonianza della qualità del lavoro dell’Ufficio Bilanci della Cgil di Reggio Emilia, che aveva individuato già 2 anni fa, e descritto in una pubblica iniziativa, gli stessi elementi critici che hanno portato alla situazione attuale.
Non si tratta quindi di un “instant book” che vuole speculare sulle ultime vicende giudiziarie della famiglia Burani, ma dare un contributo di conoscenza sulla vicenda complessiva. Per dare però risposta alle richieste che ci sono pervenute in questi giorni, nonostante il libro sia distribuito da oggi a livello nazionale in tutte le librerie, abbiamo deciso, per quanto riguarda la nostra provincia, di dare una prima risposta tempestiva a queste richieste attraverso la vendita in alcune librerie con noi convenzionate e con una distribuzione nelle principali edicole reggiane a cura di “Inedita”.


***

Vi racconto con un nome finto una storia vera, che non è storia singola e paesana ma una parabola epocale. Accade in provincia, che era il cuore antico e arretrato dell'Italia, ma ora vive le mutazioni in tempo reale, simultaneamente alle metropoli; anzi è un laboratorio a vista per le trasformazioni del costume. Vent'anni fa quando tornavo al paese, i miei amici al bar mi raccontavano il pettegolezzo hard del momento: sai che Pippo Mazzo se la fa con la moglie del capostazione? Ma non è un'eccezione e mi citavano subito dopo altri casi di sposati irrequieti che trescavano con le signore più mature.
Dieci anni fa quando tornavo al paese i miei amici al bar mi raccontavano che Pippo Mazzo si era separato. Ma non è un'eccezione, e mi citavano subito dopo svariati altri casi di quarantenni separati o in via di separazione. Gioca pure al videopoker d'azzardo, beve tanto e visita i siti porno, ma qui lo fanno in tanti.
Cinque anni fa quando tornavo al paese i miei amici al bar mi raccontavano che Pippo Mazzo era stato beccato in un locale di coppie scambiste e sniffava pure. Ma non è un'eccezione, a Milano avevano beccato altre coppie nostrane.
Ora, tornato al paese, i miei amici mi raccontano che Pippo Mazzo ha un amante, senz'apostrofo perché maschio. Ma non è un'eccezione, ce ne sono tanti altri, e mi citano altri cinquantenni, separati e no, con figli grandi, che se la fanno con ragazzi o vanno a trans. E cresce anche qui in paese l'uso tardivo di pasticche, erbe e cocaina. Ammazza la provincia dal cuore antico e un po' arretrato, vecchia credenza dei nostri ricordi puerili... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

null
Dagli spogliatoi allo spogliarello! Il giornalista e bancario e giacchetta nera Enrico Lusetti posa in accappattoio in esclusiva per questo blog, dopo la doccia rigenerante fatta al termine del sudato partitone di domenica a Castelnovo ne' Monti. Allo stadio a seguire la finalissima del Torneo della Montagna tra Cavola e Vianese c'era anche Zarathustra, che ha realizzato un fotonico reportage (on-line da venerdì 6)...

Category: General
Posted by: editor

null (Satira politica)
Scission-impossible: quella voglia di Bocchino tra scismi e sismi locali

null

-> Terremoto nel Gattile delle Libertà: nasce Alleanza Felina!
SCANDIANO DECADENCE: CON LE STURMTRUPPEN DI GIANMENEFREGO
E DELLA TULLIANI ANCHE IL MILITANTE MARCO E IL SAGGIO STEFANO?

Camurani: "Tranquilli, è il solito can-can (zio can) dei soliti cani sciolti"
null
Ma Andrea Rossi li avverte: "Occhio, a Casalgrande i Gatti li ammazzano"

EJA-EJA-ALALA' (MAVAMMURIAMMAZZA')! VOGLIA DI "PREDELLINO DUE" SALTAMI ADDOSSO! FILIPPI LA BUTTA IN VACCA: "SONO QUATTRO GATTI". E INVECE NO: C'E' ANCHE UNA LEPRE (CHE DI NOME FA MIRKO). LOMBARDINI, LA CUI FIDANZATA PRANZA SEMPRE NEL BAR PROPRIO SOTTO LA NUOVA SEDE DELLA GAZZETTA DI REGGIO, REPLICA PACATAMENTE FACENDO SAPERE CHE SE QUATTRO GATTI SONO POCHI E' PRONTO A CORTEGGIARE I CANI TANTO AMATI DALL'ENCI (LUSETTI COMPRESO, VISTO CHE E' RIMASTO SENZA PARTITO). PAGLIANI PERO' GETTA MOJITO SUL FUOCO: "SONO SICURO CHE BERLUSCONI SAPRA' RICUCIRE LO STRAPPO; D'ALTRONDE CAV. CHE ABBAIA NON DE-MORDE"

1) Montipò esprime vicinanza a Lombardini e aderisce a Generazione Italia. "TOMMASO NON SEI SOLO... Il presidente Fini ha inviato una lettera per i famigliari e l'associazione delle vittime, ma lui non è un uomo di governo" (Montipò ieri)

2) Caso-statua, Saccaggi prende le distanze dai vertici locali del Pdl. "Non penso cambi nulla per la popolazione di Scandiano se la statua rimane a Reggio. Poi la statua non è mai stata a Scandiano! Non è una restituzione, magari un più giusto collocamento! Scandiano necessita di altre lotte, più vicine ai cittadini. Viabilità, sicurezza stradale, più respiro per le piccole e medie attività, costrette a lottare con la concorrenza sleale di quei commercianti e artigiani che commerciano prodotti d'oltreoceano e lavorano irregolarmente" (Saccaggi ieri)

null.null
Le vicende belliche delle forze armate italiane impegnate nella Seconda Guerra Mondiale suscitano evidentemente ancora un grande interesse se Mursia Editore ha ritenuto di ripubblicare il libro di Giulio Lazzati “I soliti quattro gatti”. Si tratta di una coinvolgente testimonianza tra cronaca e storia degli eventi che hanno caratterizzato l’azione dell’Aeronautica Italiana durante l’ultima guerra, un’opera nata anche dalla volontà dell’autore di rispondere ad attacchi e polemici giudizi espressi da più parti sulla bontà dell’apporto fornito da questa importante Arma.

null
L'EDITORIALE SCOMODO DI FELTRUSCONI. "Corriere della Sera e Repubblica sono appassionati del giornalismo libero, d'inchiesta, quello che mette il potere a nudo, di fronte alle sue responsabilità politiche, etiche, giudiziarie. La libertà di stampa, la sacralità della notizia sono valori assoluti, indiscutibili, che vengono prima del diritto alla privacy, soprattutto se si parla di personaggi pubblici. Per questo ci chiediamo come mai in questi giorni i due quotidiani non scavino sulla questione della casa di Montecarlo lasciata in eredità ad An, cioè a Fini, e finita in uso al cognato del presidente della Camera dopo essere passata per due finanziarie estere a prezzi che nulla hanno che fare con i valori di mercato.
Non vogliamo insegnare nulla a nessuno, e ogni giornale ha il diritto e la libertà di occuparsi di ciò che meglio crede. Ma ieri i due quotidiani sono andati oltre... (CONTINUA DENTRO...)

» Read More

Category: General
Posted by: editor

ALTRO CHE DIBATTITI: STAVOLTA SI E' PASSATI DALLE PAROLE AI 'FALLI'
-> BARBECUE A LUCI ROSSE. ROSSI: "CHI GLI PORTA IL CAFFE'?"

null
nullnull

Retroscena hard alla festa di Villalunga di Casalgrande, nello spazio del ristorante Il Falò (non a caso specializzato in 'carne'...)? Parrebbe proprio di sì e ad annunciarlo al mondo, in tempo (quasi) reale, è il consigliere Magnani (che figura pure tra i volontari che ogni sera lavorano alla kermesse del Pd - ndr), il quale, qualche ora fa, ha postato la sugosa notizia (cotta al sangue, sul suo profilo Facebook) utilizzando queste precise parole:
"...i due fanciulli che facevano l'amore allegramente all'aria aperta sotto la spianata del Falò... direi che hanno già vinto in anticipo il premio 'Scena della Festa 2010'...". Il sindaco Rossi, informato dell'accaduto, è inter-venuto via web con queste altrettanto nette ed esatte parole: "Chi gli porta il caffè domani mattina???".

(Quella che segue è invece una "coda" satirica...)
Tra i primi a essere sospettati, anche il giovane Andrea Rossi, detto Braccinocorto (solo il braccino, sia chiaro - ndr), organizzatore del raduno in riva al Secchia, che in mattinata ha convocato la sua addetta-stampa per dettare una nota di agenzia che non lascia dubbi, in cui ha formalmente reso noto il suo alibi per quella notte, decisamente a prova di bomba (di riso):
"Stavo leggendo la Gazza (Gazzetta dello Sport - ndr) nel letto di casa mia, da solo... a quell'ora ero appena rientrato a casa, a Casalgrande, dopo aver riaccompagnato a Reggio Pierluigi (Castagnetti - ndr), intervenuto a un dibattito sulla legge-bavaglio, per cui vi posso assicurare che la libido - so che mi capite, e quindi che mi crederete - mi era scesa sotto le scarpe Prada". Dopodiché il sindaco è inter-venuto seriamente, su FB, manifestando forte interesse, e un po' di apprensione, per la prima colazione (a fatto, o meglio, a "fallo" compiuto) dei due amanti focosi.
Il Grande Capo, intanto, ha incaricato i fedelissimi Eliseo Baroni e Sara Di Antonio di indagare a fondo sulla boccaccesca vicenda, allo scopo di consegnare i responsabili nelle altrettanto carnose mani di Rosi Bindi
.